lunedì 23 gennaio | 14:16
pubblicato il 27/nov/2014 09:26

Speranza:Renzi cambi registro se non vuole sorprese sul Quirinale

Non banalizzi il dissenso, cerchi massima condivisione nel Pd

Speranza:Renzi cambi registro se non vuole sorprese sul Quirinale

Roma, 27 nov. (askanews) - "Renzi cambi registro, non banalizzi il dissenso, non attacchi così i sindacati, non dica che l'astensionismo è un fatto secondario" o avrà sorprese al momento dell'elezione del presidente della Repubblica. L'avvertimento arriva dal capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, capocorrente di Area Riformista.

In un'intervista alla Stampa, Speranza analizza il voto della Camera sul Jobs act a cui una trentina di deputati Pd non hanno partecipato: "E' stato un errore molto grave il voto contrario rispetto alle indicazioni del gruppo. Ma Renzi cambi registro, non banalizzi il dissenso, non attacchi così i sindacati, non dica che l'astensionismo è un fatto secondario. Non faccia finta di nulla, quei colleghi che sbagliano lanciano un segnale sull'inquietudine che c'è fuori. Conviene questo scontro perpetuo con il sindacato? A che ci porta? Sulle riforme costituzionali e sulla legge elettorale serve il massimo confronto dentro il Pd, va costruito un clima di sintonia e maggiore fiducia nel gruppo parlamentare. Renzi deve mostrare di essere più capace di cogliere lo spirito di disagio nel paese di queste settimane".

"Massima condivisione", secondo Speranza, serve anche per il "passaggio sul Colle, che mi auguro vi sia il più tardi possibile. Solo questo fattore può garantire il massimo della coesione. E noi abbiamo bisogno di una tenuta fortissima del gruppo, perché ancora portiamo sulla pelle le cicatrici della ben nota vicenda della volta scorsa. Renzi del resto sa bene che solo la condivisione garantisce coesione".

Il presidente dei deputati Pd esclude la nascita di un altro partito: "Ho sentito tutti escludere con forza la scissione. Io scommetto che non ci sarà e lavoro per questo. Ma serve uno sforzo da parte di Renzi di includere tutti nei processi. Mettere le questioni di merito sul tavolo è legittimo, ma dobbiamo trovare un metodo per garantire tenuta facendo convivere anche opinioni diverse nel Pd".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4