lunedì 23 gennaio | 18:41
pubblicato il 05/feb/2015 11:16

Speranza (Pd): da Fi ritorsione, ma non temiamo i numeri

"Loro facevano il gioco delle tre carte"

Speranza (Pd): da Fi ritorsione, ma non temiamo i numeri

Roma, 5 feb. (askanews) - "Noi abbiamo chiesto di riprendere il cammino parlamentare della riforma costituzionale che è dall'8 gennaio in aula e di votare a ritmo serrato. Brunetta ha lanciato accuse di violazione della democrazia parlamentare che non stanno né in cielo né in terra. Da l'impressione di una ritorsione dopo la scelta del presidente della Repubblica. Cos'è cambiato dal 30 gennaio al 3 febbraio per cui Fi ha deciso di rompere il patto del Nazareno? Vuol dire che il loro era il gioco delle tre carte. Stavano barando. Volevano un presidente della Repubblica accomodante". Lo ha detto Roberto Speranza, capogruppo Pd alla Camera, in un'intervista a "la Repubblica".

"E' giusto andare oltre la maggioranza di governo - ha spiegato - per fare le riforme istituzionali. Pertanto non esulto. Ma se Berlusconi ha pensato di interpretare questo patto come uno scambio sulla presidenza della Repubblica, allora è bene che si sia rotto. Per noi l'intesa con Fi riguarda solo la riforma costituzionale e l'Italicum".

"Non abbiamo il timore di non avere i numeri in Parlamento, le riforme andranno avanti. Siamo determinati. Abbiamo comunque un sostegno più largo rispetto alle forze di governo e c'è anche il dato positivo dell'unità del Pd. I numeri parlamentari sono confortanti", ha aggiunto Speranza, nel suo intervento alla trasmissione "Radio anch'io", parlando delle ripercussioni del voto per il Quirinale sull'iter delle riforme e delle nuove posizioni assunte da FI.

"Mi auguro che Forza Italia riveda l'atteggiamento delle ultime ore", ha rimarcato Speranza, secondo il quale "l'elezione del presidente è stato un fatto positivo, è stata fatta la scelta giusta nell'interesse dell'Italia. Stento a comprendere il cambio di atteggiamento di Fi".

"Con Forza Italia avevamo un patto non di governo, ma per le riforme, che fanno fatte con una maggioranza più ampia di quella governativa. Si ha l'impressione che stavano al tavolo non per le riforme, ma per avere una figura al Quirinale più rassicurante" per Berlusconi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4