giovedì 29 settembre | 06:58
pubblicato il 26/feb/2016 12:54

Speranza: dopo voto fiducia con Verdini serve congresso del Pd

"Rischiamo di trovarci sempre più lontani dal nostro popolo"

Speranza: dopo voto fiducia con Verdini serve congresso del Pd

Roma, 26 feb. (askanews) - La minoranza del Pd chiede un congresso del partito per discutere l'ingresso di Denis Verdini e di una nuova pattuglia di ex berlusconiani nella maggioranza di governo. "E' chiaro che il voto di fiducia - ha dichiarato Roberto Speranza, parlando in sala stampa alla Camera - costituisce il perimetro della maggioranza. Penso sia un fatto molto grave, una scelta profondamente sbagliata che non condivido e che tocca l'identità profonda del Partito democratico. Il Pd è nato per essere il cardine del centrosinistra, ma giorno dopo giorno rischia di diventare altro".

"Questo per me non è accettabile, non si può stare zitti, serve una discussione vera sull'identità del Partito democratico e l'identità del Partito democratico si può decidere solo in un congresso. Chiediamo di anticipare il congresso", ha sottolineato Speranza. A chi obietta che già all'epoca della segreteria di Pier Luigi Bersani il Pd si era accordato con Forza Italia, Speranza ha replicato: "Il governo Letta è nato perché erano indispensabili quei voti per far nascere un governo. Oggi un governo già esiste e non possiamo trasformare la necessaria indispensabile dialettica e dinamica parlamentare di quei giorni in una scelta politica. Qui si sta facendo altro: la prospettiva politica, il disegno politico che si sta costruendo è il disegno di patto organico con residui del berlusconismo. Io penso che questo sia sbagliato e credo sia giusto che il nostro popolo, la nostra gente, ne possa discutere e valutare cosa ne pensa. Per quanto ci riguarda il Pd non deve avere nulla a che fare con Verdini e chi è stato protagonista in prima linea della stagione berlusconiana".

"A me interessa la prospettiva politica. Qui - ha ammonito l'esponente dem - si sta scambiando la prospettiva di un accordo su alcune questioni con una prospettiva politica che giorno dopo giorno snatura il Pd. E io penso che sia giusto immaginare che questo venga finalmente fermato. Non è più possibile, il nostro popolo finisce per non capirci e se continua così ci troveremo con Verdini e company sempre più vicini, il nostro popolo sempre più lontano". Il problema non è la collocazione della minoranza Pd: "Non è una questione di persone ma di linea politica", ha risposto Speranza a chi gli ha chiesto se si candiderà alla segreteria del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma 2024
Roma 2024, rammarico Mattarella: Olimpiadi investimento per Paese
Fisco
Renzi: taglio Irpef il mio sogno, è obiettivo per 2018
M5s
M5s, Grillo: Renzi vuole Ponte Stretto? Io traforo di Sardegna...
Berlusconi
Renzi: Berlusconi ha sette vite, tenta ritorno con D'Alema
Altre sezioni
Salute e Benessere
Migliorare la propria vita ridisegnandosi le sopracciglia
Enogastronomia
Torna a Roma il Gluten Free days
Start Up
Al via campagna crowdfounding a sostegno del progetto Ethicjobs
Motori
Kia si rinnova con un innovativo crossover ibrido
Turismo
Andar per "Birra" in Fiera a Pordenone in autunno
Moda
Moda, a Parigi sfila Yves Saint Laurent in versione Vaccarello
Sistema Trasporti
Fs, piano industriale da 94 miliardi di investimenti in 10 anni
Scienza e Innovazione
Via Lattea, la galassia è più grande e dinamica che mai
Lifestyle e Design
Al via Castelnuovo Fotografia con mostre, proiezioni ed eventi