martedì 26 luglio | 10:14
pubblicato il 26/feb/2016 12:54

Speranza: dopo voto fiducia con Verdini serve congresso del Pd

"Rischiamo di trovarci sempre più lontani dal nostro popolo"

Speranza: dopo voto fiducia con Verdini serve congresso del Pd

Roma, 26 feb. (askanews) - La minoranza del Pd chiede un congresso del partito per discutere l'ingresso di Denis Verdini e di una nuova pattuglia di ex berlusconiani nella maggioranza di governo. "E' chiaro che il voto di fiducia - ha dichiarato Roberto Speranza, parlando in sala stampa alla Camera - costituisce il perimetro della maggioranza. Penso sia un fatto molto grave, una scelta profondamente sbagliata che non condivido e che tocca l'identità profonda del Partito democratico. Il Pd è nato per essere il cardine del centrosinistra, ma giorno dopo giorno rischia di diventare altro".

"Questo per me non è accettabile, non si può stare zitti, serve una discussione vera sull'identità del Partito democratico e l'identità del Partito democratico si può decidere solo in un congresso. Chiediamo di anticipare il congresso", ha sottolineato Speranza. A chi obietta che già all'epoca della segreteria di Pier Luigi Bersani il Pd si era accordato con Forza Italia, Speranza ha replicato: "Il governo Letta è nato perché erano indispensabili quei voti per far nascere un governo. Oggi un governo già esiste e non possiamo trasformare la necessaria indispensabile dialettica e dinamica parlamentare di quei giorni in una scelta politica. Qui si sta facendo altro: la prospettiva politica, il disegno politico che si sta costruendo è il disegno di patto organico con residui del berlusconismo. Io penso che questo sia sbagliato e credo sia giusto che il nostro popolo, la nostra gente, ne possa discutere e valutare cosa ne pensa. Per quanto ci riguarda il Pd non deve avere nulla a che fare con Verdini e chi è stato protagonista in prima linea della stagione berlusconiana".

"A me interessa la prospettiva politica. Qui - ha ammonito l'esponente dem - si sta scambiando la prospettiva di un accordo su alcune questioni con una prospettiva politica che giorno dopo giorno snatura il Pd. E io penso che sia giusto immaginare che questo venga finalmente fermato. Non è più possibile, il nostro popolo finisce per non capirci e se continua così ci troveremo con Verdini e company sempre più vicini, il nostro popolo sempre più lontano". Il problema non è la collocazione della minoranza Pd: "Non è una questione di persone ma di linea politica", ha risposto Speranza a chi gli ha chiesto se si candiderà alla segreteria del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Pdl sulla cannabis da oggi alla Camera, ma possibile il rinvio
Droga
Cannabis legale, legge in aula Camera per un giorno. E poi rinvio
Camera
Bufera su Salvini per offese a Boldrini. Ma lui insiste: indegna
M5s
Ancora bufera su Giarrusso. Senatori Pd si appellano a Grasso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Cancro alla prostata, ad Ancona l'innovativa sonda a ultrasuoni
Motori
Kobe Bryant in visita alla Ferrari
Enogastronomia
Vacanze, Coldiretti: assegnate 4.965 bandiere del gusto
Turismo
Turismo, Filippetti (Astoi): estate nervosa, scelte sotto data
Lifestyle e Design
Smartphone batte libro, lettura social preferita a saggi e romanzi
Sostenibilità
Corepla, Ciotti: riciclo plastica pilastro economia circolare
TechnoFun
Apple vicina a 1 miliardo di iPhone venduti, domani dati II trim
Scienza e Innovazione
Yahoo esce da internet, venderà attività centrali a Verizon
Sistema Trasporti
Rfi, emesso bando gara linea Av Napoli-Bari tra Cancello e Frasso