mercoledì 07 dicembre | 23:18
pubblicato il 10/dic/2013 18:32

Spending review: M5S Camera, fioccano indiscrezioni e Miur tace

(ASCA) - Roma, 10 dic - ''Abbiamo la spiacevole sensazione di trovarci di fronte a un bieco gioco delle parti, consumato sulla pelle del sistema di istruzione. Da un lato trapelano notizie sui tagli che potrebbero essere realizzati attraverso la spending review dal commissario Cottarelli, dall'altra il Miur afferma di non sapere nulla a tal proposito, e scarica il barile''. Lo dichiarano in una nota i deputati del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura.

''Consideriamo inaccettabile il fatto che il piano di tagli della spending review per la scuola e l'universita' cominci a emergere senza che vi siano ne' conferme ne' smentite. Se - affermano i deputati - a questo si aggiunge che al Miur, rispetto a tali indiscrezioni, sembrano cadere dalle nuvole, abbiamo un quadro che prospetta o malafede, o dilettantismo. Dopo le voci su sui tagli relativi al dimensionamento delle scuole, l'edilizia scolastica, gli insegnanti inidonei, il finanziamento dell'universita' e ricerca, l'ultima sirena d'allarme arriva dalle colonne de il Fatto, che parla di una riduzione del numero degli insegnanti di sostegno, i quali erano stati aumentati di 26 mila unita', in tre anni, nel recente Decreto Istruzione. Aumento che pero' e' solo sulla carta, dal momento che negli ultimi anni i piani triennali di assunzione non sono mai stati rispettati'', proseguono i deputati grillini. ''Ci domandiamo: per il caso il Mef prevede unridimensionamento delle assunzioni gia' rispetto a queste immissioni in ruolo? Tra l'altro - aggiungono -, proprio in occasione della discussione sul Decreto Istruzione, in commissione Cultura, avevamo posto l'attenzione sul fatto che l'aumento degli insegnanti di sostegno, portati a un totale di 90 mila, includesse elementi di incertezza. Dal provvedimento, infatti, restavano esclusi circa 20 mila docenti di supplenza. A questo punto ci chiediamo se saranno loro, i non stabilizzati, i piu' deboli, i primi ad essere sacrificati sull'altare della spending review. Riteniamo inqualificabile l'avallo di questo clima di incertezza e di mancanza di comunicazione nei confronti dell'opinione pubblica. A nessuno e' consentito agire nell'ombra o nascondersi. Ciascuno, secondo la propria responsabilita' e competenza, riferisca presso le sedi competenti quanto e' in atto e si intende fare. Non intendiamo, ne' accetteremo, trovarci di fronte al fatto compiuto''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni