lunedì 27 febbraio | 00:47
pubblicato il 10/dic/2013 18:32

Spending review: M5S Camera, fioccano indiscrezioni e Miur tace

(ASCA) - Roma, 10 dic - ''Abbiamo la spiacevole sensazione di trovarci di fronte a un bieco gioco delle parti, consumato sulla pelle del sistema di istruzione. Da un lato trapelano notizie sui tagli che potrebbero essere realizzati attraverso la spending review dal commissario Cottarelli, dall'altra il Miur afferma di non sapere nulla a tal proposito, e scarica il barile''. Lo dichiarano in una nota i deputati del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura.

''Consideriamo inaccettabile il fatto che il piano di tagli della spending review per la scuola e l'universita' cominci a emergere senza che vi siano ne' conferme ne' smentite. Se - affermano i deputati - a questo si aggiunge che al Miur, rispetto a tali indiscrezioni, sembrano cadere dalle nuvole, abbiamo un quadro che prospetta o malafede, o dilettantismo. Dopo le voci su sui tagli relativi al dimensionamento delle scuole, l'edilizia scolastica, gli insegnanti inidonei, il finanziamento dell'universita' e ricerca, l'ultima sirena d'allarme arriva dalle colonne de il Fatto, che parla di una riduzione del numero degli insegnanti di sostegno, i quali erano stati aumentati di 26 mila unita', in tre anni, nel recente Decreto Istruzione. Aumento che pero' e' solo sulla carta, dal momento che negli ultimi anni i piani triennali di assunzione non sono mai stati rispettati'', proseguono i deputati grillini. ''Ci domandiamo: per il caso il Mef prevede unridimensionamento delle assunzioni gia' rispetto a queste immissioni in ruolo? Tra l'altro - aggiungono -, proprio in occasione della discussione sul Decreto Istruzione, in commissione Cultura, avevamo posto l'attenzione sul fatto che l'aumento degli insegnanti di sostegno, portati a un totale di 90 mila, includesse elementi di incertezza. Dal provvedimento, infatti, restavano esclusi circa 20 mila docenti di supplenza. A questo punto ci chiediamo se saranno loro, i non stabilizzati, i piu' deboli, i primi ad essere sacrificati sull'altare della spending review. Riteniamo inqualificabile l'avallo di questo clima di incertezza e di mancanza di comunicazione nei confronti dell'opinione pubblica. A nessuno e' consentito agire nell'ombra o nascondersi. Ciascuno, secondo la propria responsabilita' e competenza, riferisca presso le sedi competenti quanto e' in atto e si intende fare. Non intendiamo, ne' accetteremo, trovarci di fronte al fatto compiuto''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech