martedì 17 gennaio | 18:44
pubblicato il 20/mar/2014 11:39

Spending review: Brunetta, Renzi vuole grande mattanza sociale?

(ASCA) - Roma, 20 mar 2014 - ''Dal tormentone critico nei confronti dei ''tagli lineari' alla grande mattanza sociale: e' questo il passaggio fondamentale della nuova spending review, prevista dal super commissario Carlo Cottarelli.

L'elemento che unisce queste apparenti diverse impostazioni e' sempre lo stesso: la mancanza di riforme. La modifica, cioe', di quei meccanismi che negli anni hanno creato l'onda lunga del crescente deficit di finanza pubblica che, inevitabilmente, si e' riflesso sull'andamento del debito. Questa volta, tuttavia, c'e' una componente in piu': la fretta per tagliare il traguardo delle elezioni europee e quindi mettere qualcosa in busta paga dei potenziali elettori. E poi, come diceva Luigi XV, prima della rivoluzione francese: apre's moi le de'luge . Ma e' un gatto che rischia di mordersi la coda''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''E' infatti evidente che l'inevitabile contestualita' tra maggiori spese e tagli adeguati non puo' che prendere di mira uno dei comparti piu' delicati del welfare italiano: la spesa pensionistica. Il super commissario l'ha detto con chiarezza indicando un prelievo sul monte pensioni pari ad 1,4 miliardi, mettendo in imbarazzo i suoi referenti politici.

Sennonche' questa cifra non e' sufficiente per sostenere un onere che, seppure per la sola parte restante dell'anno, si aggira sui 7 miliardi. E' quindi prevedibile che dovra' essere aumentato colpendo ancor piu' duramente chi ha lavorato per una vita, pagato tasse e contributi. Ed ora si vede esposto ad una drastica riduzione del proprio tenore di vita. Chi maneggia con tanta sicumera la scure della macelleria sociale non tiene conto della reale condizione di milioni di famiglie italiane: pensioni che ammontano a 2.000 o 2.500 euro al mese non sono l'emblema di un benessere indecente.

Molte volte - prosegue Brunetta - quel valore e' gia' ridotto da pesanti rate di mutuo, contratto per garantire un tetto ai propri figli. Poi vi sono le spese correnti da pagare, compreso il salasso di una tassazione indiretta - a partire da quelle sulla casa - che ne riduce drasticamente l'effettiva disponibilita'. Ma, soprattutto, e' giusto alimentare una guerra se non proprio tra poveri, certamente contro le classi medie? Questo forte ridimensionamento e' in grado di rimettere in moto lo stanco motore dell'economia italiana? Sono interrogativi che Matteo Renzi dovrebbe porsi.

Noi almeno ce li siamo posti e faremo di tutto affinche' questo non avvenga''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa