domenica 26 febbraio | 11:50
pubblicato il 20/mar/2014 11:39

Spending review: Brunetta, Renzi vuole grande mattanza sociale?

(ASCA) - Roma, 20 mar 2014 - ''Dal tormentone critico nei confronti dei ''tagli lineari' alla grande mattanza sociale: e' questo il passaggio fondamentale della nuova spending review, prevista dal super commissario Carlo Cottarelli.

L'elemento che unisce queste apparenti diverse impostazioni e' sempre lo stesso: la mancanza di riforme. La modifica, cioe', di quei meccanismi che negli anni hanno creato l'onda lunga del crescente deficit di finanza pubblica che, inevitabilmente, si e' riflesso sull'andamento del debito. Questa volta, tuttavia, c'e' una componente in piu': la fretta per tagliare il traguardo delle elezioni europee e quindi mettere qualcosa in busta paga dei potenziali elettori. E poi, come diceva Luigi XV, prima della rivoluzione francese: apre's moi le de'luge . Ma e' un gatto che rischia di mordersi la coda''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''E' infatti evidente che l'inevitabile contestualita' tra maggiori spese e tagli adeguati non puo' che prendere di mira uno dei comparti piu' delicati del welfare italiano: la spesa pensionistica. Il super commissario l'ha detto con chiarezza indicando un prelievo sul monte pensioni pari ad 1,4 miliardi, mettendo in imbarazzo i suoi referenti politici.

Sennonche' questa cifra non e' sufficiente per sostenere un onere che, seppure per la sola parte restante dell'anno, si aggira sui 7 miliardi. E' quindi prevedibile che dovra' essere aumentato colpendo ancor piu' duramente chi ha lavorato per una vita, pagato tasse e contributi. Ed ora si vede esposto ad una drastica riduzione del proprio tenore di vita. Chi maneggia con tanta sicumera la scure della macelleria sociale non tiene conto della reale condizione di milioni di famiglie italiane: pensioni che ammontano a 2.000 o 2.500 euro al mese non sono l'emblema di un benessere indecente.

Molte volte - prosegue Brunetta - quel valore e' gia' ridotto da pesanti rate di mutuo, contratto per garantire un tetto ai propri figli. Poi vi sono le spese correnti da pagare, compreso il salasso di una tassazione indiretta - a partire da quelle sulla casa - che ne riduce drasticamente l'effettiva disponibilita'. Ma, soprattutto, e' giusto alimentare una guerra se non proprio tra poveri, certamente contro le classi medie? Questo forte ridimensionamento e' in grado di rimettere in moto lo stanco motore dell'economia italiana? Sono interrogativi che Matteo Renzi dovrebbe porsi.

Noi almeno ce li siamo posti e faremo di tutto affinche' questo non avvenga''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech