venerdì 24 febbraio | 01:10
pubblicato il 04/lug/2014 14:12

Spazio/Senato: riforma governance, si tenga conto di indirizzi europei

(ASCA) - Roma, 4 lug 2014 - Nel rivedere la governance del settore spaziale e aerospaziale si tenga conto delle iniziative, dei programmi e delle azioni previste dagli strumenti della politica spaziale europea. Il suggerimento arriva dalla commissione Politiche dell'Unione europea del Senato ed e' diretto alla commissione Industria, cui in settimana e' stato trasmesso il parere non ostativo con alcune osservazioni sul ddl 1110 che punta a riordinare le competenze governative in materia di politiche spaziali e aerospaziali e a stabilire disposizioni concernenti l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia spaziale italiana e sul ddl 1410 che istituisce un Comitato parlamentare per lo spazio. A breve dovrebbe essere assegnato alla decima commissione un terzo testo, il ddl 1544 ''Misure per il coordinamento della politica spaziale e aerospaziale, nonche' modifiche al decreto legislativo 4 giugno 2003, n.

128, concernente l'ordinamento dell'Agenzia spaziale italiana'', di cui e' primo firmatario Salvatore Tomaselli (Pd), che affida a un comitato interministeriale coordinato dalla Presidenza del Consiglio la governance del settore e fa dell'Agenzia spaziale italiana l'organismo operativo.

Nel parere approvato, la quattordicesima commissione ricorda che con il Trattato di Lisbona e' stata inserita un'apposita base giuridica per una politica spaziale europea, che l'Unione e' chiamata a elaborare ''per favorire il progresso tecnico e scientifico, la competitivita' industriale e l'attuazione delle sue politiche'', e che a tal fine, puo' promuovere iniziative comuni, sostenere la ricerca e lo sviluppo tecnologico e coordinare gli sforzi necessari per l'esplorazione e l'utilizzo dello spazio. Per questo suggerisce di ''raccordare le attivita' degli organi previsti dai disegni di legge in titolo con le iniziative, i programmi e le azioni previste dagli strumenti della politica spaziale europea''. In particolare si invita a tenere conto della Comunicazione della Commissione europea ''Verso una Strategia spaziale dell'Unione europea al servizio dei cittadini'', del 4 aprile in cui si afferma ''come la politica spaziale sia uno strumento al servizio delle politiche interne ed esterne dell'Unione, volto a contribuire direttamente agli obiettivi della strategia Europa 2020, e a rispondere a tre tipi di obiettivi: - sociali, in quanto il benessere dei cittadini europei dipende da essa in ambiti quali l'ambiente, la lotta ai cambiamenti climatici, la sicurezza pubblica e civile, gli aiuti umanitari e allo sviluppo, i trasporti o la societa' dell'informazione; - economici, poiche' lo spazio genera conoscenze, nuovi prodotti e nuove forme di cooperazione industriale ed e' dunque un motore d'innovazione, contribuisce alla competitivita', alla crescita e alla creazione di occupazione; - strategici, poiche' lo spazio serve a consolidare il ruolo da protagonista dell'Unione sulla scena mondiale e contribuisce alla sua indipendenza economica e politica''. Nella Comunicazione - conclude il parere - sono indicate le priorita' e le conseguenti azioni della politica spaziale europea: i progetti faro Galileo e GMES, i cambiamenti climatici, la sicurezza, la competitivita' e l'esplorazione dello spazio.

lcp/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech