sabato 03 dicembre | 23:01
pubblicato il 28/apr/2013 12:00

Sparatoria P. Chigi/ Condanna politica unanime: Mai la violenza

Grillo prende distanze : "Il nostro MoVimento non è violento"

Sparatoria P. Chigi/ Condanna politica unanime: Mai la violenza

Roma, 28 apr. (askanews) - Condanna unanime dalla politica per il gesto dell'attentatore che questa mattina ha sparato ad altezza d'uomo contro due carabinieri davanti a palazzo Chigi, ferendone gravemente uno ricoverato in prognosi riservata con lesioni alla colonna vertebrale. Tutti ribadiscono che non vi è giustificazione alla violenza e molti, soprattutto i politici del centrodestra, sottolineano le responsabilità del clima politico arroventato. "In una fase così difficile per il Paese, è fondamentale che le istituzioni riescano sempre di più a farsi carico del disagio sociale e a dare risposte concrete. Ma la violenza, per grave che sia la crisi, non deve e non può mai essere considerata tra le opzioni percorribili per la soluzione dei problemi" ha sottolineato la presidente della Camera Laura Boldrini. Afferma il presidente del Senato Pietro Grasso, "io non penso che in questo momento e con queste propostettive convenga a nessuno riaprire una stagione di tensione. Conviene invece al Paese e a tutti i cittadini mettersi a lavorare. Dande risposte concrete e rapide che serviranno anche a evitare le tensioni ovunque si annidino". "Seppur non sia ancora del tutto chiara la dinamica della sparatoria davanti palazzo Chigi, sarebbe da irresponsabili non riflettere seriamente su quanto accaduto" ha detto però il presidente dei deputati Pd Robetto Speranza, sottolineando come "nel giorno in cui nasce un nuovo governo che ha come principale obiettivo ridare fiducia nel futuro migliorando le condizioni di vita degli italiani, quanto avvenuto non può essere sottovalutato". Ha preso subito le distanze il presidente del MoVimento 5 Stelle Beppe Grillo: "C'è stato un attentato ai carabinieri davanti a Palazzo Chigi. Ci discostiamo da questa onda che spero finisca lì perchè il nostro MoVimento non è assolutamente violento. Noi raccogliamo firme ai banchetti, facciamo referendum e leggi popolari". "Quello che è successo stamattina davanti a Palazzo Chigi è comunque un attacco alle istituzioni che deve indurre a riflettere", afferma il presidente dei senatori del Pdl, Renato Schifani, "Soprattutto chi in questi mesi, e anche negli ultimi giorni, ha alimentato veleni e acuito un clima di scontro politico e sociale". SUlla stessa linea Ignazio La Russa, presidente del movimento Fratelli d'Italia-centrodestra nazionale: "Abbiamo sempre sostenuto che la predicazione dell'odio e dell'abbattimento dell'avversario che si manifesta anche col sistematico disturbo organizzato delle manifestazioni altrui a cui il centrodestra non si é mai accodato, può portare le persone psicologicamente predisposte all'uso criminale della violenza". "Guai a cedere alla violenza, sempre" ha scritto da parte sua su Twitter il leader Sel Nichi Vendola, aggiungendo "un augurio di pronta guarigione ai carabinieri feriti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari