lunedì 05 dicembre | 20:06
pubblicato il 13/mar/2014 12:00

Sondaggio Demopolis: "Francesco ha la fiducia del 90% italiani"

Il 78% lo vorrebbe nuovo Presidente Repubblica, il 65% Premier

Sondaggio Demopolis: "Francesco ha la fiducia del 90% italiani"

Città del Vaticano, 13 mar. (askanews) - In un anno Papa Francesco ha conquistato gli italiani: il 90% degli italiani ha fiducia in lui. E' il "dato senza precedenti" che emerge dall'indagine condotta dall'Istituto Demopolis ad un anno dall'elezione alla guida della Chiesa di Roma di Jorge Maria Bergoglio. La rilevazione si chiude con un quesito: se non fosse Papa e potesse ricoprire un ruolo in Italia, in che ruolo vedreste bene Bergoglio? Il 78% degli italiani lo vorrebbe Presidente della Repubblica, il 65% lo vedrebbe a Capo del Governo. "L'impatto sull'opinione pubblica in questi primi 12 mesi di Pontificato - ha sottolineato il direttore di Demopolis Pietro Vento - appare straordinario: l'apprezzamento, che raggiunge il 95% tra i cattolici, risulta sorprendentemente alto, al 68%, anche nel segmento di non cattolici e non credenti: un valore superiore perfino alla stagione più intensa di Giovanni Paolo II. Del Papa argentino piacciono la vicinanza alla gente, indicata dal 75% degli italiani, ma anche la spontaneità e l'attenzione ai più deboli, segnalate da oltre i due terzi degli intervistati. Molto apprezzati - conclude Pietro Vento - risultano anche la sobrietà e l'impegno di Bergoglio per rinnovare la Chiesa". Tra i gesti e gli eventi degli ultimi 12 mesi, analizzati da Demopolis, hanno colpito particolarmente le telefonate personali per dare conforto e la scelta di vivere a Santa Marta, rinunciando all'appartamento papale. La maggioranza assoluta cita anche la visita tra gli immigrati a Lampedusa, la denuncia di lobby in Vaticano ed il primo incontro della storia tra "due Papi". Molte frasi sono rimaste impresse nella memoria degli italiani: dal "come vorrei una Chiesa povera per i poveri" all'invito ai giovani a "non lasciarsi rubare la speranza"; sino al "permesso, grazie, scusa: le tre parole della convivenza". Ma sono in molti a ricordare anche la denuncia della "globalizzazione dell'indifferenza che rende tutti responsabili senza nome e senza volto". Il Papa "normale", che "ride, piange ed ha amici", ha ridato vitalità alla Chiesa, incidendo profondamente sul rapporto con l'opinione pubblica: la maggioranza assoluta dei cittadini - secondo il Barometro Politico Demopolis - ha migliorato negli ultimi 12 mesi il proprio giudizio sulla Chiesa Cattolica.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari