venerdì 20 gennaio | 09:34
pubblicato il 10/mag/2014 11:22

Sociale/Senato: a Roma 30mila famiglie bisognose di alloggi popolari

(ASCA) - Roma, 10 mag 2014 - Nella capitale sono circa 30.000 i nuclei familiari bisognosi di alloggio popolare, con un incremento ogni anno di circa 4.000 famiglie. Si sta scontando l'assenza di una seria politica abitativa a Roma negli ultimi decenni in un contesto economico e sociale sempre piu' difficile. Il Comune sta cercando di riavviare un piano di costruzione di alloggi popolari e di operare nella maniera piu' trasparente, rafforzando gli uffici che si occupano di esaminare le domande e coinvolgendo la guardia di finanza nel controllo del reddito effettivo degli assegnatari degli alloggi. A fare il punto e' stato l'assessore alle politiche abitative e della casa del Comune di Roma Daniele Ozzimo ascoltato l'8 maggio dalla Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani nell'ambito dell'indagine conoscitiva sui livelli e i meccanismi di tutela dei diritti umani, vigenti in Italia e nella realta' internazionale, con particolare riferimento all'emergenza abitativa e ai rom. La Regione e il Governo - ha detto l'assessore - hanno recentemente stanziato delle risorse per l'edilizia popolare e questo e' un buon segno, nonostante si parli di cifre insufficienti a soddisfare le necessita' attuali. Per quanto riguarda le comunita' rom, ha sottolineato come siano pochissime le domande presentate in seguito all'ultimo bando da famiglie rom, a conferma della necessita' di operare con piu' incisivita' verso una effettiva inclusione sociale.

Ozzimo si e' soffermato sulle modalita' di assegnazione degli alloggi popolari a Roma che prevedono precisi requisiti per l'accesso; le domande vengono valutate da una commissione che forma la graduatoria. Il bando pubblicato dal comune di Roma nel 2000 e' rimasto in vigore fino alla chiusura della relativa graduatoria nel 2009 e il 31 dicembre 2012 il Comune di Roma ha pubblicato un nuovo bando per le case popolari.

L'esame delle domande procede molto lentamente poiche' sono state presentate solo in forma cartacea. Questo ritardo provoca notevoli disagi tenuto conto della grave situazione di crisi sociale che investe la citta' di Roma e dell'altissimo numero di persone bisognose di alloggi popolari.

lcp/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Terremoti
Terremoto, Salvini in Abruzzo: chiedo a Gentiloni 100mln di euro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale