sabato 21 gennaio | 19:10
pubblicato il 10/lug/2013 19:16

Slovenia: Bratusek a Serracchiani, Italia convochi tavolo minoranza

(ASCA) - Lubiana, 10 lug - ''I progetti in occasione del centenario della Grande Guerra e l'Expo 2015 rappresentano due grandi opportunita' di collaborazione tra Italia e Slovenia''.

Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, nel corso dell'incontro con il premier sloveno, Alenka Bratusek, svoltosi oggi a Lubiana.

L'Italia, ha messo in evidenza il capo del governo sloveno, e' un partner importante (''e cio' vale soprattutto per il Friuli Venezia Giulia'') della Slovenia e la collaborazione tra i due Paesi ''e' ottima, ma risultati migliori si potrebbero conseguire nel settore economico''.

La cooperazione bilaterale puo' contare sul significativo contributo delle reciproche minoranze. ''Le condizioni della comunita' slovena nel Friuli Venezia Giulia sono migliorate - ha spiegato Bratusek - e ci auguriamo che venga prossimamente convocato il tavolo di lavoro sulla minoranza slovena istituito presso il ministero italiano agli Interni''.

''L'esperienza della minoranza slovena in Italia e di quella italiana in Slovenia e' preziosa e puo' rafforzare la cooperazione tra i due Paesi'', ha spiegato Serracchiani, che ha definito la prossima visita del ministro per gli Sloveni all'estero e oltre confine, Tina Komel, in Friuli Venezia Giulia ''come ulteriore approfondimento della collaborazione''.

All'incontro, che si e' svolto in un clima amichevole e di reciproca fiducia, la presidente della Regione ha ricordato il sostegno del presidente italiano Giorgio Napolitano e del capo del Governo, Enrico Letta, alle nuove opportunita' di cooperazione tra il Friuli Venezia Giulia e la repubblica contermine.

''Molti importanti progetti transfrontalieri sono in essere - ha spiegato Serracchiani - ma bisogna recuperare il tempo perduto nel recente passato per cogliere tutte le opportunita' di crescita, non perdere le risorse europee ed essere preparati per il nuovo periodo di programmazione comunitaria''.

Il capo dell'Esecutivo sloveno ha dimostrato molto interesse per la collaborazione tra i porti di Trieste e Capodistria.

Di cio' si parlera' all'incontro trilaterale che si terra' a meta' settembre a Venezia.

fdm/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4