martedì 17 gennaio | 14:25
pubblicato il 09/mar/2015 21:08

Slitta ancora ok Governo a riforma scuola, in cdm giovedì con Rai

Domani incontro Renzi-Giannini. E il premier vuole giornata ad hoc

Slitta ancora ok Governo a riforma scuola, in cdm giovedì con Rai

Roma, 9 mar. (askanews) - Doveva arrivare domani l'approvazione del ddl sulla 'Buona Scuola'. L'aveva assicurato lo stesso Matteo Renzi, nella conferenza stampa di martedì scorso in cui spiegava che il Consiglio dei Ministri aveva condotto solo l'esame preliminare del provvedimento: l'ok definitivo sarebbe arrivato appunto domani. Ma il testo ancora non è pronto: "Va ancora preparato al meglio", dicono da palazzo Chigi e soprattutto "non vanno fatti errori". E dal ministero dell'Istruzione confermano: "Il testo è delicato, va curato nei minimi dettagli". Tanto che domani ci sarà bisogno di un altro incontro ("Politico") tra il premier e il ministro Stefania Giannini. Mentre oggi a viale Trastevere ci si è occupati di norme specifiche per "finalizzare" sull'aspetto più sensibile, ovvero l'assunzione dei precari: "Abbiamo fatto importanti passi in avanti", assicurano dal ministero.

Stante la necessità di ulteriori limature al ddl Scuola, nonostante l'urgenza dei tempi per far sì che i precari siano stabilizzati in tempo per il prossimo anno scolastico, a palazzo Chigi si è colta l'occasione per 'razionalizzare' l'agenda del governo: giovedì al Cdm inizierà infatti anche l'esame preliminare del ddl di riforma della Rai. Annunciato da Renzi nella e-news diramata domenica ("In settimana iniziamo l'esame in consiglio dei ministri per chiuderlo velocemente. Poi la palla passa al Parlamento con lo stesso metodo della scuola", aveva scritto il premier ai suoi lettori), in realtà il testo sarebbe ancora in alto mare. "Volendo ci si mette poco a scriverlo - spiega un parlamentare che si occupa della questione - ma ancora non abbiamo neanche un'indicazione su quale forma di governance sia preferita...".

Il rinvio del Cdm consentirà dunque di lavorare in questi due giorni anche al testo per la riforma di viale Mazzini. "Avere un indirizzo dal governo aiuterà la discussione in Parlamento: sapremo su quale modello cercare il consenso in Parlamento", spiega un deputato molto attivo sul fronte riforma, confermando la disponibilità al dialogo con il MoVimento 5 stelle ma anche l'utilità dell'apertura ai grillini per 'smuovere' anche gli altri partiti: "Il confronto con l'M5s ha avuto già il merito di convincere gli altri che facciamo sul serio. E infatti oggi si è mosso anche Alfano", che ha annunciato una proposta di Area Popolare sulla materia. Un confronto dunque che dovrà avvenire anche all'interno della maggioranza.

Infine, un'altra ragione - cui il premier è particolarmente sensibile - ha indotto Renzi al rinvio del Cdm: quella mediatica."Domani i riflettori saranno tutti sull'ok della Camera alle riforme, mentre giovedì sarà il giorno della scuola e della Rai", spiegano dal governo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa