mercoledì 22 febbraio | 00:50
pubblicato il 06/apr/2011 14:59

Sisma Abruzzo/ Napolitano: Aquilani non saranno dimenticati

Nessuno ha cancellato da memoria tragedia che ha colpito città

Sisma Abruzzo/ Napolitano: Aquilani non saranno dimenticati

L'Aquila, 6 apr. (askanews) - Gli abitanti dell'Aquila "non devono aver paura di essere dimenticati". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, stamattina nel capoluogo abruzzese per il secondo anniversario del terremoto. "La mia presenza, al di là della mia persona, rappresenta sul piano istituzionale, in quanto capo dello Stato, la conferma di come gli italiani siano stati e siano sempre vicini e solidali", ha detto Napolitano intrattenendosi con i giornalisti prima di entrare nella Basilica di Collemaggio per una messa commemorativa del sisma. "Nessuno - ha aggiunto - ha cancellato neppure per un momento dalla memoria la tragedia del terremoto che ha colpito questa bellissima città e che ha poi visto impegnata la popolazione e i cittadini, con il concorso di altre parti d'Italia, a uno sforzo straordinario per la sopravvivenza e il rilancio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia