sabato 03 dicembre | 10:51
pubblicato il 06/apr/2011 16:43

Sisma Abruzzo/ Napolitano all'Aquila: L'Italia non vi abbandona

Presidente ad anniversario. Divergenze non diventino distruttive

Sisma Abruzzo/ Napolitano all'Aquila: L'Italia non vi abbandona

L'Aquila, 6 apr. (askanews) - Accolto dagli applausi al suo arrivo, salutato dagli applausi al momento del commiato e accompagnato dall'urlo salito dalla folla "Presidente non ci abbandonare", Giorgio Napolitano si è recato oggi all'Aquila per partecipare ad una messa commemorativa del secondo anniversario del terremoto che ha distrutto la città. "Nessuno ha cancellato neppure per un momento dalla memoria la tragedia del terremoto che ha colpito questa bellissima città", ha dichiarato il capo dello Stato prima di prendere parte alla celebrazione liturgica presieduta dal vescovo Giuseppe Molinari e dall'ausiliare Giovanni D'Ercole. "La mia presenza qui è la conferma di come gli italiani siano stati e siano sempre vicini e solidali", ha detto Napolitano, che ha tenuto a rimarcare come gli aquilani non debbano avere "paura di essere dimenticati". Le polemiche politiche sono rimaste lontane dalla mattinata aquilana di Napolitano. Ad accogliere il presidente della Repubblica erano presenti il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, il presidente della Provincia dell'Aquila Antonio Del Corvo e il sindaco Massimo Cialente. Non ha destato sorpresa l'assenza annunciata del presidente del Consiglio Berlusconi. "Era previsto così", ha commentato il sindaco Cialente. Solo un uomo dalla folla ha esortato Napolitano, al momento del commiato dall'Aquila, a "cacciare fuori" Berlusconi. Lo stesso Napolitano, intrattenendosi con i giornalisti prima della messa, ha messo in luce il fatto che sulla ricostruzione dell'Aquila "le divisioni sono state minime. Nel fuoco dell'emergenza c'è stata massima unità. Poi - ha aggiunto il capo dello Stato - c'è naturalmente anche la discussione che è sempre lecita all'interno delle istituzioni dove sono rappresentate le forze politiche ma innanzitutto i cittadini. anche naturale che si discuta e vi sia diversità di giudizio e di opinioni - ha sottolineato Napolitano - l'importante è il senso della misura e il fatto che queste distinzioni non superino mai un certo limite e non diventino elemento distruttivo". "Per questo - ha però tenuto a puntualizzare il presidente della Repubblica - ci vuole il massimo sforzo di chi ha la responsabilità di amministrare, di governare, di risolvere i problemi e di rappresentare le istanze dei cittadini". Quanto allo specifico della città dell'Aquila - ancora oggi, a due anni dal sisma, dominata da palazzi crollati, crepati e disabitati - Napolitano ha sottolineato che "deve essere chiaro che per noi L'Aquila vale quanto la più grande delle città storiche del nostro Paese" e che la città "non solo ha bisogno di lavoro, di studio e delle attività quotidiane dei cittadini ma anche della rinascita di questo bellissimo centro storico". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari