lunedì 16 gennaio | 12:04
pubblicato il 27/ago/2013 13:19

Siria: Tonini (Pd), d'accordo con Bonino, non esiste soluzione militare

Siria: Tonini (Pd), d'accordo con Bonino, non esiste soluzione militare

(ASCA) - Roma, 27 ago - ''Il Pd condivide appieno la posizione del governo italiano sulla crisi siriana espressa oggi dal ministro Bonino''. Cosi' il vicepresidente dei senatori democratici, Giorgio Tonini, nel dibattito sulle dichiarazioni della titolare della Farnesina alle commissioni Esteri di Camera e Senato. ''In particolare - ha sottolineato Tonini - condividiamo il fermo convincimento che non esista una soluzione militare alla gravissima crisi siriana, che pure ha conosciuto una nuova, terribile escalation con l'uso delle armi chimiche che nei giorni scorsi ha mietuto centinaia di vittime, comprese donne e bambini. Non esiste una soluzione militare non solo (e gia' basterebbe) per ragioni di diritto internazionale: perche' non appare al momento plausibile alcuna autorizzazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad un intervento armato. Ma anche per ragioni politiche: perche' non e' affatto chiaro, al momento, quale sia la posizione prevalente in seno alla opposizione al regime di Assad''. Il senatore del Pd prosegue: ''Anche gli USA sanno che il problema non e' solo quello di cacciarsi dentro un'altra avventura militare. Sarebbe un'azione di forza fuori dalla copertura giuridica che sappiamo essere sempre piu' importante e decisiva per il presidente Obama, una delle caratteristiche fondamentali che ha voluto imprimere alla sua amministrazione in questi anni. Infine, e non e' certo l'elemento meno importante, si interverrebbe senza avere chiarezza sull'esito di questa avventura militare. La Siria non e' il Kosovo. Ci troviamo dinanzi a una situazione molto diversa, in cui individuare un interlocutore alternativo ad Assad e' impresa pressoche' disperata''. ''Come dimostra la parallela crisi egiziana - ha aggiunto Tonini - siamo infatti in presenza non piu' solo di un conflitto tra mondo sunnita e mondo sciita, ma anche di un duro confronto in seno alla famiglia sunnita, nella difficile ricerca di una possibile via islamica alla democrazia, al pluralismo, allo stato di diritto''. ''Su questo piano - conclude - il ruolo dell'Europa e dell'Occidente, che non possono piu' essere determinanti nella definizione dell'assetto di un mondo grande, forte e ricco come quello arabo-islamico possono tuttavia ancora svolgere un ruolo importante di mediazione e di sintesi, perche' dallo scontro tra due torti, come e' quello oggi in atto in Egitto, possa emergere una ragione comune''. com-sgr/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
Metro C, online il nuovo portale sull'opera con diretta sui lavori