giovedì 08 dicembre | 11:38
pubblicato il 27/ago/2013 13:19

Siria: Tonini (Pd), d'accordo con Bonino, non esiste soluzione militare

Siria: Tonini (Pd), d'accordo con Bonino, non esiste soluzione militare

(ASCA) - Roma, 27 ago - ''Il Pd condivide appieno la posizione del governo italiano sulla crisi siriana espressa oggi dal ministro Bonino''. Cosi' il vicepresidente dei senatori democratici, Giorgio Tonini, nel dibattito sulle dichiarazioni della titolare della Farnesina alle commissioni Esteri di Camera e Senato. ''In particolare - ha sottolineato Tonini - condividiamo il fermo convincimento che non esista una soluzione militare alla gravissima crisi siriana, che pure ha conosciuto una nuova, terribile escalation con l'uso delle armi chimiche che nei giorni scorsi ha mietuto centinaia di vittime, comprese donne e bambini. Non esiste una soluzione militare non solo (e gia' basterebbe) per ragioni di diritto internazionale: perche' non appare al momento plausibile alcuna autorizzazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad un intervento armato. Ma anche per ragioni politiche: perche' non e' affatto chiaro, al momento, quale sia la posizione prevalente in seno alla opposizione al regime di Assad''. Il senatore del Pd prosegue: ''Anche gli USA sanno che il problema non e' solo quello di cacciarsi dentro un'altra avventura militare. Sarebbe un'azione di forza fuori dalla copertura giuridica che sappiamo essere sempre piu' importante e decisiva per il presidente Obama, una delle caratteristiche fondamentali che ha voluto imprimere alla sua amministrazione in questi anni. Infine, e non e' certo l'elemento meno importante, si interverrebbe senza avere chiarezza sull'esito di questa avventura militare. La Siria non e' il Kosovo. Ci troviamo dinanzi a una situazione molto diversa, in cui individuare un interlocutore alternativo ad Assad e' impresa pressoche' disperata''. ''Come dimostra la parallela crisi egiziana - ha aggiunto Tonini - siamo infatti in presenza non piu' solo di un conflitto tra mondo sunnita e mondo sciita, ma anche di un duro confronto in seno alla famiglia sunnita, nella difficile ricerca di una possibile via islamica alla democrazia, al pluralismo, allo stato di diritto''. ''Su questo piano - conclude - il ruolo dell'Europa e dell'Occidente, che non possono piu' essere determinanti nella definizione dell'assetto di un mondo grande, forte e ricco come quello arabo-islamico possono tuttavia ancora svolgere un ruolo importante di mediazione e di sintesi, perche' dallo scontro tra due torti, come e' quello oggi in atto in Egitto, possa emergere una ragione comune''. com-sgr/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni