domenica 04 dicembre | 21:19
pubblicato il 26/set/2012 21:26

Siria/ Monti all'Onu: Porre fine ai massacri, superare lo stallo

"La storia non sarà clemente nel giudicare i responsabili"

Siria/ Monti all'Onu: Porre fine ai massacri, superare lo stallo

New York, 26 set. (askanews) - Porre fine ai massacri in Siria, la comunità internazionale deve agire. Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha ribadito il suo pensiero, nell'intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. "Nulla può essere raggiunto senza buona volontà e buona fede, di cui abbiamo bisogno se vogliamo mettere fine ai massacri in corso e alle massicce violazioni dei diritti umani in Siria. Il regime di Damasco si rifiuta di rispettare le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'Onu e continua a commettere violenze indiscriminate contro i civili. L'Italia sostiene totalmente la missione del nuovo inviato speciale per la Siria" e crede sia necessario che il Consiglio di sicurezza "superi lo stallo che sta impedendo un'effettiva azione internazionale. La storia non sarà clemente nel giudicare i responsabili" ha aggiunto Monti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari