lunedì 05 dicembre | 02:06
pubblicato il 03/set/2013 12:20

Siria: Mauro, serve prudenza. Cercare soluzione politica

(ASCA) - Bruxelles, 3 set - Quella siriana ''e' una delle situazioni piu' complesse della storia recente'', e per questo ''ci vuole prudenza''. Lo afferma il ministro della Difesa, Mario Mauro, in conferenza stampa a Bruxelles al termine degli incontri con il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, e l'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Ue, Catherine Ashton.

''La complessita' della situazione, gli interessi delle forze regionali, il rischio di un coinvolgimento sul piano della sicurezza di Israele, consigliano prudenza, che noi abbiamo piu' volte sostenuto''. L'Italia, ricorda Mauro, ''ha fatto appello alla ragionevolezza, rimandando al rapporto degli ispettori dell'Onu ogni decisione''. Nel dibattito sulla Siria, continua il ministri, ''comprendiamo le posizioni di Stati Uniti e Francia'', ma per il nostro paese vanno date ''altre chance ad una situazione politica''. Per Mauro ''qualcuno nel mondo ci ringraziera' per questo''.

bne/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari