sabato 03 dicembre | 04:12
pubblicato il 13/set/2013 12:00

Siria/ Boldrini: Finora troppo poco contro i massacri di Assad

Messa in sicurezza arsenali chimici non è detto chiuda conflitto

Siria/ Boldrini: Finora troppo poco contro i massacri di Assad

Roma, 13 set. (askanews) - "Di fronte all'utilizzo di armi chimiche, la comunità internazionale ha dovuto reagire Tuttavia, i massacri non hanno avuto inizio il 21 agosto scorso. Dal 2011 ad oggi, sono state uccise più di 100mila persone in Siria e 6,5 milioni sono in fuga all'interno del Paese o negli Stati confinanti. Fino ad ora è stato fatto troppo poco. E, anche qualora si giungesse a mettere in sicurezza gli arsenali chimici del regime siriano, ciò non implicherebbe di per sé la fine del conflitto". Lo ha affermato la presidente della Camera Laura Boldrini, nel corso dell'incontro a Montecitorio con il presidente dell'Assemblea nazionale francese Claude Bartolone, a proposito della crisi in Siria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari