lunedì 27 febbraio | 07:45
pubblicato il 13/set/2013 12:00

Siria/ Boldrini: Finora troppo poco contro i massacri di Assad

Messa in sicurezza arsenali chimici non è detto chiuda conflitto

Siria/ Boldrini: Finora troppo poco contro i massacri di Assad

Roma, 13 set. (askanews) - "Di fronte all'utilizzo di armi chimiche, la comunità internazionale ha dovuto reagire Tuttavia, i massacri non hanno avuto inizio il 21 agosto scorso. Dal 2011 ad oggi, sono state uccise più di 100mila persone in Siria e 6,5 milioni sono in fuga all'interno del Paese o negli Stati confinanti. Fino ad ora è stato fatto troppo poco. E, anche qualora si giungesse a mettere in sicurezza gli arsenali chimici del regime siriano, ciò non implicherebbe di per sé la fine del conflitto". Lo ha affermato la presidente della Camera Laura Boldrini, nel corso dell'incontro a Montecitorio con il presidente dell'Assemblea nazionale francese Claude Bartolone, a proposito della crisi in Siria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech