venerdì 09 dicembre | 17:12
pubblicato il 29/ago/2013 09:25

Siria, Bagnasco: mi chiedo quale sia ruolo Nazione Unite-VideoDoc

'Serve negoziato e dialogo, guerra non porta grandi frutti'

Siria, Bagnasco: mi chiedo quale sia ruolo Nazione Unite-VideoDoc

Genova, (askanews) - In merito alle voci sull'eventuale imminente attacco alla Sira da parte di Usa, Gran Bretagna e Francia, "ci chiediamo ancora una volta quale sia il ruolo delle Nazioni Unite". Lo ha affermato l'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, prima della partenza del pellegrinaggio a piedi verso il Santuario della Guardia."Su questo tema - ha sottolineato il porporato - pregherò la Madonna che ci doni saggezza e luce perché il dono della pace che è basato sulla giustizia, sulla buona volontà dei singoli, delle nazioni e dei capi delle nazioni, possadiventare realtà"."Certamente - ha concluso Bagnasco - la via della guerra, e vediamo la storia anche recente, non sembra che abbia portato dei grandi frutti. Pertanto l'appello è al buon senso, al negoziato e al dialogo in tutti i modi con molta umiltà".

Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina