lunedì 05 dicembre | 04:08
pubblicato il 02/set/2011 16:05

Siria/ Avaaz: Ritardo sanzioni Ue voluto da Italia costerà vite

Embargo petrolifero su contratti in corso rinviato a 15 novembre

Siria/ Avaaz: Ritardo sanzioni Ue voluto da Italia costerà vite

Roma, 2 set. (askanews) - Avaaz, l'associazione transnazionale che promuove campagne globali di attivismo sociale e civile, ha duramente criticato oggi il ritardo di 10 settimane sulle sanzioni petrolifere alla Siria relative ai contratti in corso, approvato a Bruxelles su richiesta dell'Italia. In un comunicato l'ong fa appello all'Europa affinché imponga da subito le sanzioni sul greggio proveniente dalla Siria anche ai contratti di fornitura già in essere con le compagnie Ue - e non dal 15 novembre, come deciso dai Ventisette. "Avaaz stima che la dilazione proposta dal governo Berlusconi possa provocare, da oggi a novembre, la morte di un migliaio di persone", indica la nota. Ricken Patel, direttore esecutivo del gruppo, ha dichiarato: "Diplomatici, esperti e cittadini sono sconcertati dall'insensato ostruzionismo italiano sulle sanzioni al petrolio siriano che, se applicate, potrebbero contribuire a mettere fine alla carneficina in Siria". Molte altre nazioni stanno rescindendo i contratti petroliferi, mentre l'Italia pretende profitti a breve termine, a scapito delle vite umane in Siria. Le nazioni dell'Unione Europea dovranno opporsi fermamente al più grande sostenitore del Presidente Assad fino a quando gli italiani non abbiano imposto sanzioni immediate. Ieri alle ambasciate italiane di Beirut, Washington DC, Ottawa, Il Cairo e Doha sono pervenute richieste urgenti di un incontro coi membri dell'opposizione siriana. Gli ambasciatori italiani a Beirut e Doha si sono incontrati questa mattina coi rappresentanti dell'opposizione. Le forze di Bashar al-Assad continuano con la stessa violenza a uccidere e torturare civili innocenti e ieri sono stati arrestati 17 bambini. Oggi i Ministri degli Esteri dell'Unione Europea saranno in Polonia per cercare un accordo sulle sanzioni petrolifere, e così restringere il flusso economico che sta finanziando il massacro perpetrato dal regime siriano.(segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari