domenica 11 dicembre | 11:51
pubblicato il 13/apr/2013 15:03

Sinistra: Vendola, lealta' a Bersani su governo e pronti a nuovo partito

Sinistra: Vendola, lealta' a Bersani su governo e pronti a nuovo partito

(ASCA) - Roma, 13 apr - Assemblea nazionale di Sel, quella di oggi a Roma, che e' servita a Nichi Vendola per ribadire la lealta' a Pier Luigi Bersani nel tentativo di formare un governo. Ma per segnalare, allo stesso tempo, che gli occhi sono gia' puntati verso il tentativo di Fabrizio Barca di rifondare il Pd in un soggetto piu' vasto e unico della sinistra, che si candida a governare con le forze di centrosinistra. ''Il prossimo Capo dello Stato dovra' conferire l'incarico di governo a Bersani che si presentera' in Parlamento con un programma di cambiamento. Spettera' cosi' a ogni singolo parlamentare assumersi le proprie responsabilita''', ha detto Vendola nella sua relazione. Assonanza con il segretario del Pd pure sul tema del Quirinale: ''Io penso che abbiamo il diritto e il dovere di avanzare un nome che sia, come sono stati quelli di Boldrini e Grasso, un messaggio forte al Paese e non alle oligarchie''.

Sul governo: ''Penso che non vada fatto nessun inciucio perche' l'inciucio lo vogliono Berlusconi e Grillo''.

Il leader di Sel, senza mai accennare all'altra ipotesi in campo di Matteo Renzi, fa le lodi del tentativo di Barca di aprire una discussione di fondo nel centrosinistra: ''Per noi e' un interlocutore prezioso. Al Pd, a cui ha deciso di iscriversi, propone uno stimolo forte. Noi accogliamo l'invito a discutere e a provare a costruire il partito del futuro come comunita', dopo tanti anni in cui ha prevalso l'individualismo''. Vendola vuole partecipare con il suo partito a un progetto che definisce ambizioso: ''C'e' la necessita' di costruire la casa dei progressisti, lo strumento che puo' consentire a una nuova generazone di fare politica. Pensiamo al partito della sinistra del futuro.

Discutiamone, e' necessario farlo in Italia e in Europa.

perche' la crisi della sinistra e quella dell'Europa sono quasi lo stesso problema''. Il governatore della Puglia spiega pero' che lui non accettera' mai ''annessioni o fusioni a freddo, e non auspico - sia chiaro - scissioni nel Pd''. Il problema, aggiunge, e' che ''tutti devono mettersi in discussione a iniziare da Sel, dal momento che il nostro problema non e' passare al 3 al 6%''. In questa marcia di avvicinamento all'idea di Barca che occorre rimescolare Pd e Sel, fa parte anche l'annuncio della lettera da inviare al Pse (Partito del socialismo europeo) in cui si chiede di aderire a questa formazione, preludio di un prossima analoga richiesta all'Internazionale socialista.

gar/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina