martedì 21 febbraio | 15:55
pubblicato il 26/feb/2016 21:19

Sinistra Pd sfida Renzi: congresso subito per coprire referendum

I renziani: "Le assise si faranno nel 2017"

Sinistra Pd sfida Renzi: congresso subito per coprire referendum

Roma, 26 feb. (askanews) - E' un tentativo di contropiede, quello della minoranza Pd sul congresso anticipato. Da settimane Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza e gli altri della sinistra del partito ragionavano sulle mosse di Matteo Renzi e l'analisi era preoccupata.

"Il vero congresso - spiega un parlamentare vicino all'ex segretario Pd - Renzi lo vuole fare con il referendum: vinto quello, il segretario-premier vorrà anticipare le assise a inizio 2017, così magari poi va anche a elezioni anticipate. E non ce ne sarà per nessuno...". Un percorso che, racconta il parlamentare, avrebbe di fatto bruciato la strategia immaginata dalla sinistra Pd per il congresso, ovvero la campagna contro il Partito della nazione e l'apertura del Pd a Denis Verdini. Così, spiegano, quando nei giorni scorsi Renzi ha cambiato gioco sulle unioni civili, è maturata la scelta di accelerare, cogliendo al balzo la novità politica del voto verdiniano a favore della fiducia.

Il tema del referendum, del resto, è complicato per la minoranza Pd. Sinistra italiana e i fuoriusciti dal partito insistono perché i bersaniani e i cuperliani si impegnino per il no alla riforma voluta da Renzi, ma votata alla fine da tutto il Pd. Una capriola che sarebbe difficile da giustificare, anche usando l'argomento della 'politicizzazione' del referendum da parte di Renzi. Un'operazione difficile da spiegare persino a quella base 'storica' del Pd magari un po' spiazzata dalle mosse del giovane leader. Altra cosa è il tema Verdini, da tutti i punti di vista perfetto per incarnare l'anticristo agli occhi di chi è nato e cresciuto a sinistra.Per questo, dopo una serie di ragionamenti tra Bersani, Speranza e Cuperlo, si è deciso di rilanciare. "E' chiaro che il voto di fiducia - ha detto Speranza - costituisce il perimetro della maggioranza. Penso sia un fatto molto grave, una scelta profondamente sbagliata che non condivido e che tocca l'identità profonda del Partito democratico". E un altro bersaniano aggiunge: "Altro che referendum, del resto mica ci possiamo mettere a fare i comitati per il no... Il tema è quello che sta diventando il Pd, di questo dobbiamo parlare nei prossimi mesi".

Appunto, si cerca di cambiare l'agenda, mettendo in secondo piano le riforme di Renzi per accendere invece i riflettori sulla "mutazione genetica del Pd". E, spiega il bersaniano, "il congresso deve essere subito dopo il referendum". Il legame con l'ex sodale di Silvio Berlusconi, in realtà, non piace a tanti nel Pd, non solo dalle parti della minoranza. Qualche settimana fa era stato Walter Veltroni a interrompere un lungo silenzio per criticare il Partito della nazione e oggi ha attaccato addirittura un renziano, sia pure battitore libero, come Matteo Richetti. Ma la richiesta di anticipare il congresso difficilmente troverà grande ascolto fuori dai confini della minoranza.Questo significa che difficilmente Renzi accetterà di anticipare così tanto le assise, che da statuto dovrebbero tenersi nell'autunno 2017. "Non esiste - dice David Ermini - il congresso si fa nel 2017...". Il vice-segretario Lorenzo Guerini aggiunge: "Ci vedremo al congresso, evitiamo strumentalizzazioni". E Maria Elena Boschi si limita a dire che "il congresso si farà nel 2017", quindi almeno 3-4 mesi dopo il referendum. Toni simili da Matteo Orfini: "Invito tutti i partecipanti all'appassionante dibattito sul congresso a indirizzare le energie sulle amministrative. Del resto parliamone dopo". Il premier, insomma, pare intenzionato a mantenere il percorso che aveva immaginato, ovvero quello di spostare magari le assise a inizio del prossimo anno, anziché alla fine. Un percorso che aveva già indicato lo scorso gennaio: "Come segretario scado l'8 dicembre del 2017. Poi, dopo i risultati delle amministrative e del referendum discuteremo se vogliamo anticipare o no il congresso". Appunto, a inizio 2017, sulla scia del referendum.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia