sabato 21 gennaio | 19:03
pubblicato il 21/ago/2015 10:10

Sindacati, Landini: protestare è un diritto, su soglie discutiamo

"13 settembre assemblea Coalizione sociale ma non sarà partito"

Sindacati, Landini: protestare è un diritto, su soglie discutiamo

Roma, 21 ago. (askanews) - Sullo sciopero "la Costituzione parla chiaro, è un diritto individuale garantito". Lo afferma il leader della Fiom Cgil Maurio Landini, intervistato da "Repubblica", a proposito dell'ipotesi di riforma sulla rappresentanza sindacale su cui starebbe lavorando il governo.

"La Fiom - ricorda Landini - nel 2010 ha depositato una proposta di legge popolare con 120 mila firme per varare una legge sulla rappresentanza. Nel mentre alla Camera c'è la stessa proposta in discussione. Non siamo colti di sorpresa sul tema, abbiamo delle proposte". A proposito di una soglia di sbarramento al 50 per cento per poter firmare un accordo, Landini afferma che "l'eventuale accordo va anche sottoposto al voto di tutti i lavoratori, compresi quelli precari. Chiediamo una legge di rappresentanza semplice, non invasiva, in base agli iscritti e ai voti delle Rsu, garantendo che in tutti i posti di lavoro ci si possa iscrivere al sindacato che si vuole e votare. E però la rappresentanza deve valere anche per le associazioni imprenditoriali, non solo per il sindacato". Landini però è contrario al superamento dei contratti nazionali: "delle modifiche sono necessarie, nel senso i 400 contratti nazionali possono essere ridotti a una decina. Ma cancellare la contrattazione su scala nazionale non è accettabile, perché così si finisce per indebolire i lavoratori". Sul calo delle tessere della Cgil Landini sottolinea che "la discussione al nostro interno va fatta, occorre garantire maggiore democrazia e partecipazione, così anche più trasparenza".

Per quanto riguarda la "Coalizione sociale", il movimento da lui lanciato, Landini annuncia che "il 13 settembre c'è in programma un'assemblea per capire come unire il mondo del lavoro, dai dipendenti alle partite Iva. Mentre il 17 ottobre saremo in piazza con Libera per il reddito minimo. Serve dare una forte sponda politica al mondo del lavoro". Non, assicura, diventando un partito ma "imponendo il tema del lavoro in modo trasversale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4