giovedì 08 dicembre | 16:00
pubblicato il 24/set/2013 17:48

Siderurgia: Pd, governo convochi tavolo nazionale

(ASCA) - Roma, 24 set - Il coordinamento nazionale sulla siderurgia del Partito Democratico, riunito da Matteo Colaninno, responsabile Economia e Lavoro della segreteria nazionale del Pd, esprime in una nota ''forte preoccupazione per la fase di elevatissima criticita' del settore siderurgico del nostro Paese, come segnala l'aggravarsi delle emergenze produttive, finanziarie e giudiziarie in vari stabilimenti della filiera. A Piombino la Lucchini senza interventi puo' chiudere in poche settimane, la Terni AST non trova acquirenti e perde mercato a favore di produttori stranieri, Riva Acciai e' bloccata dal combinato magistratura-proprieta'. Ilva sta applicando l'AIA, ma deve fare i conti con un mercato che non 'tira'. Sono in ballo decine di migliaia di posti di lavoro e il futuro stesso della siderurgia italiana che, se lasciata in balia del mercato e dei processi di globalizzazione, determinera' le allocazioni produttive fuori dal nostro Paese e dall'Europa.

Occorrono risposte urgenti ed efficaci a queste emergenze, che tuttavia non sono risolvibili procedendo caso per caso senza una visione complessiva, ma solo con un intervento organico che veda insieme il Governo con le migliori forze industriali e finanziarie del paese. La siderurgia italiana non puo' fare a meno di mantenere la sua dimensione nell'ambito dei paesi industrializzati, dunque bisogna pensare a un nuovo intervento pubblico che veda la siderurgia come una 'commodity' per lo sviluppo industriale complessivo del Paese. E' necessaria, insomma, una politica industriale, promossa a livello pubblico, che armonizzi le esigenze dei produttori con quelle dei consumatori, entrambi attori fondamentali nel campo dei settori utilizzatori di acciaio.

Solo cosi' e' possibile far convivere produzioni di base e vivibilita' dei territori''.

''Per corresponsabilizzare tutti gli stakeholder della filiera, il Partito Democratico - si legge - chiede la convocazione urgente del Tavolo nazionale della Siderurgia, istituito tre mesi fa e non piu' riunitosi, e in quella sede la presentazione di un piano di azione focalizzato su due punti: 1) definire i primi provvedimenti di politica industriale e produttiva da adottare nell'immediato per affrontare le varie crisi e delinearne una diversa prospettiva; 2) contestualmente, predisporre un piano strategico di filiera che valuti la fattibilita' di un intervento pubblico in funzione delle recenti disposizioni europee, secondo le quali la BEI e la Cassa Depositi e Prestiti (attraverso il Fondo Strategico) possono concorrere sulla base di adeguati progetti di innovazione a finanziare la nuova siderurgia'', conclude la nota.

com-ceg/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Governo
Renzi: ok nuovo governo ma appoggiato da tutti, non temiamo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni