martedì 17 gennaio | 14:20
pubblicato il 26/set/2013 12:10

Siderurgia: Pd, governo chiarisca subito situazione Acciaierie Terni

(ASCA) - Roma, 26 set - Fare luce sull'attuale situazione e sul destino dell'Acciai Speciali Terni (AST), un polo siderurgico di importanza mondiale e rendere note al piu' presto le linee di indirizzo per il settore della siderurgia e della produzione di acciaio nel nostro Paese. E' quanto chiedono i senatori del Pd eletti in Umbria Gianluca Rossi, Valeria Cardinali, Nadia Ginetti e Miguel Gotor che insieme con il presidente del gruppo dei democratici al Senato, Luigi Zanda, hanno rivolto un'interrogazione al presidente del Consiglio, Enrico Letta, e al ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato. ''La Acciai Speciali Terni (AST) - spiegano i senatori democratici nell'interrogazione - e' uno dei principali produttori al mondo di laminati piani di acciaio inossidabile ed opera in un settore strategico per l'industria europea ed in particolare per quella italiana. Con i suoi 2900 addetti e i circa 3000 dell'indotto, il polo siderurgico di Terni rappresenta la realta' industriale di maggior rilievo dell'Umbria e dell'Italia centrale. La AST e' controllata da Inoxum, che e' stata acquisita nel 2012 dalla multinazionale finlandese Outokumpu con una procedura approvata dalla Commissione europea a condizione che alcuni assets, tra cui AST, fossero ceduti a soggetti terzi. Il disinvestimento doveva avvenire entro il mese di maggio 2013. Ma la procedura, che dovrebbe garantire maggiore competitivita' e consolidare il sito siderurgico di Terni, ad oggi non risulta ancora chiusa e la AST rimane nel perimetro industriale di Outokump. Da notizie di stampa apparse di recente sembra addirittura che la Commissione europea abbia concesso ad Outokumpu una proroga fino al primo trimestre 2014 per completare la procedura di cessione dell'AST''. ''Al governo chiediamo - proseguono - se sia a conoscenza di questa proroga e delle sue ragioni e se non ritenga invece opportuno accelerare i tempi per dare maggiori certezze e rilanciare il polo siderurgico di Terni. Chiediamo inoltre quali iniziative siano state predisposte per assicurare in futuro il mantenimento dei livelli di competitivita', di produttivita' ed occupazionali di una delle principali aziende al mondo di produzione di laminati piani di acciaio inossidabile, se intenda assicurare ai lavoratori di AST e alle istituzioni locali che l'azienda non sara' acquisita con scopi diversi rispetto alla prospettiva di valorizzazione e sviluppo del sito. ''E' assolutamente necessario, inoltre - concludono i senatori del Pd - che vengano rese note le linee d'indirizzo del Governo sul settore della siderurgia e della produzione di acciaio in Italia, considerato che gli obiettivi della Commissione Europea relativi alla politica industriale individuano un ruolo essenziale proprio per la siderurgia e l'industria dell'acciaio''. com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa