domenica 04 dicembre | 03:44
pubblicato il 18/set/2013 14:28

Sicurezza stradale: Lupi, e' una delle priorita' del Governo

(ASCA) - Roma, 18 set - La sicurezza stradale e' una delle priorita' del Governo. Lo ha ricordato il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi, che oggi e' intervenuto a un convegno sulla sicurezza stradale organizzato dalla Fondazione Ania. Per il ministro pero', l'obiettivo fissato nel programma europeo sulla sicurezza stradale 2011-2020 si raggiunge attraverso un mix di nuove infrastrutture e manutenzione insieme a all'educazione e prevenzione.

''Gli investimenti in infrastrutture - ha ricordato il ministro - incidono in maniera oggettiva sul tasso di incidentalita', insieme alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, come stabilito dal Governo con il Dl del Fare''.

''L'altro pilastro - ha aggiunto Lupi - e' l'educazione e la prevenzione. L'introduzione della patente a punti e' stato un elemento che ha introdotto direttamente un drastico calo degli incidenti. Vuol dire che il tema della prevenzione e della formazione diventa la sfida principale''.

sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari