sabato 25 febbraio | 14:38
pubblicato il 21/mag/2013 13:19

Sicurezza: Alfano, si' condizionato a militari a Milano ma no pattuglie

(ASCA) - Milano, 21 mag - Presto a Milano potrebbero tornare i militari ad assicurare la sicurezza pubblica. La questione e' stata al centro della riunione del Comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico, e al termine della riunione, come ha spiegato il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ''l'ipotesi e' quella di un si' condizionato alla presenza dei militari a Milano, a condizione che non facciano pattugliamenti ma presidi fissi''. E' la linea sostenuta da sempre dall'amministrazione milanese di centrosinistra guidata da Giuliano Pisapia. ''L'obiettivo - ha aggiunto Alfano a questo proposito - e' quello di liberare gli uomini di polizia e carabinieri, attualmente impegnati in presidi fissi, e inviarli a pattugliare il territorio''. Su questo, ha pero' precisato Alfano prima di concludere ''non e' stata ancora presa nessuna decisioen definitiva''.

fcz/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Sinistra
Nasce il movimento degli ex Pd, primo nodo il rapporto col governo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech