lunedì 05 dicembre | 01:50
pubblicato il 19/lug/2012 05:10

Sicilia/ Lombardo si sfoga: Chiarirò a Monti menzogne su conti

Su di noi tanti equivoci. La nostra isola non è a rischio default

Sicilia/ Lombardo si sfoga: Chiarirò a Monti menzogne su conti

Palermo, 19 lug. (askanews) - Il giorno dopo aver ricevuto la nota con cui il presidente del Consiglio Mario Monti gli chiede maggiori notizie riguardo la sua decisione di rassegnare le dimissioni da presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo incontra i giornalisti in una concitata conferenza stampa, in cui ribatte punto per punto le accuse mosse alla sua gestione della cosa pubblica isolana, secondo molti osservatori a rischio default. "Avrò modo di chiarire al presidente Monti - ha detto Lombardo - la massa di equivoci e menzogne che si sono lette in questi giorni. La Regione Siciliana non è a rischio default. Tutto il resto sono chiacchiere per nulla disinteressate. Il bilancio è certificato dalla Corte dei conti, e i nostri conti sono qualificati 'baa2', come il comune di Milano e di Venezia. Dietro di noi ci sono il Lazio, la Campania e il Molise". Il governatore siciliano annuncia la volontà di "riferire in Consiglio dei ministri, per spiegare cosa abbiamo fatto in questi quattro anni in termini di riforme, rigore e contrasto di interessi illeciti. E' una facoltà che rientra nelle prerogative del presidente della Regione - ha detto Lombardo - e di cui intendo avvalermi". Poi Lombardo concentra la sua attenzione sulle parole del vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello: " Taluni imprenditori dovrebbero fare davvero il bene della Sicilia. Lo Bello l'ho incontrato alcune volte nel caso di inaugurazione di impianti fotovoltaici, investimenti che si è visto essere nelle mani dei mafiosi. Perchè non fanno le cose positive invece di dire certe cose?". Quindi il governatore siciliano ha riservato una stoccata anche all'Udc di Casini: "L'Udc vuole rimettere le mani sulla Sicilia. Sono pronto a confrontarmi con Casini, anche sui sette anni precedenti ai miei in Sicilia, a Bologna come a Palermo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari