martedì 17 gennaio | 22:25
pubblicato il 23/lug/2013 12:00

Sicilia/ Il Pd "processa" Crocetta: con noi o col Megafono

Commissione garanzia deciderà posizione governatore siciliano

Sicilia/ Il Pd "processa" Crocetta: con noi o col Megafono

Palermo, 23 lug. (askanews) - Dopo mesi di discussioni, non sempre votate al confronto, il percorso politico del presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta appare ormai destinato ad un bivio. Il "caso" del governatore dell'isola, esponente del Partito Democratico e leader del movimento Il Megafono, nato sulla scia della sua candidatura a Palazzo d'Orleans, approda oggi infatti sul tavolo della Commissione di garanzia del partito, che dovrà decidere sul futuro di Crocetta tra le fila dei democratici. Un appuntamento, quello romano, preceduto nei giorni scorsi da una serie di dichiarazioni "forti" del presidente della Regione Siciliana, inerenti la questione morale, con il Partito Democratico uscito con le ossa rotte dai recenti scandali che hanno travolto la Formazione professionale sull'isola, e con l'audace proposta di Crocetta, di candidare alla segreteria regionale del partito il suo giovanissimo assessore Nelli Scilabra. "Il Pd mi processa in contumacia mentre è travolto dalla questione morale", ha detto Crocetta a Repubblica, rilanciando il suo timore che a breve le inchieste che hanno già toccato esponenti siciliani di primo piano del calibro di Francantonio Genovese e Franco Rinaldi, possano investire altri rappresentanti democratici. Andando oltre la questione morale, però, resta in piedi la denuncia di "incompatibilità" avanzata dai vertici del Pd nei confronti della sua leadership de Il Megafono, con cui ha presentato candidati concorrenti dei democratici alle scorse elezioni amministrative. Un'accusa di "bigamia" che Crocetta ha rispedito al mittente, sottolineando come il suo movimento in realtà "rafforzi il Partito democratico", e che l'intenzione sia quella di federarlo al Pd, strategia prevista dallo Statuto del partito nelle regioni autonome. Un muro contro muro, insomma, che oggi potrebbe trovare soluzione, e sul quale si staglia un'altra eventualità che giorno dopo giorno appare sempre più concreta: quella che Crocetta si candidi alla guida del Pd. "E' una possibilità - ha detto il governatore siciliano -. Sarebbe un mio diritto candidarmi sulla base di un0identità culturale precisa. Ma la casta è già in rivolta preventiva. Ricevo attacchi terribili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa