domenica 04 dicembre | 21:24
pubblicato il 13/gen/2015 22:13

Si chiude semestre italiano in Europa, Renzi: Ue cambi marcia

Il discorso del premier a Strasburgo davanti a Europarlamento

Si chiude semestre italiano in Europa, Renzi: Ue cambi marcia

Strasburgo (askanews) - Il premier Matteo Renzi ha chiuso ufficialmente il semestre italiano di presidenza del Consiglio europeo parlando davanti all'Europarlamento riunito in plenaria a Strasburgo. Sono stati sei mesi in cui "abbiamo fatto molto", ha detto Renzi tracciando un bilancio della presidenza. "L'Italia - secondo il premier - ha proposto un cambiamento del paradigma economico". "L'Europa ha cambiato direzione, ora servono i fatti".

"Io credo che o l'Europa cambia marcia o noi diventiamo fanalino di coda del mondo che cambia molto rapidamente".

Un lungo passaggio del discorso, a pochi giorni dagli attentati terroristici di Parigi, è dedicato al dibattito sulla sicurezza, che, ha detto Renzi, non può voler dire trasformarsi in una "fortezza". Il premier ha colto l'occasione per rendere omaggio al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, "un convinto europeista".

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari