domenica 22 gennaio | 11:14
pubblicato il 27/gen/2011 14:02

Shoah/ Schifani visita Mauthausen: Difendere sempre democrazia

Scritte antisemite sono preoccupanti, ma non ci fermeremo

Shoah/ Schifani visita Mauthausen: Difendere sempre democrazia

Mauthausen (Austria), 27 gen. (askanews) - "Agli italiani e per la dignità degli uomini qui soffersero e perirono". C'è scritto questo sul monumento ai caduti italiani del campo di Mauthausen ed è ai piedi di queste parole che il presidente del Senato, Renato Schifani, ha deposto la prima delle due corone di fiori che oggi, giorno della Memoria, l'Italia ha offerto al ricordo di chi perì nell'orrore dell'Olocausto. L'altra corona, alla base del memoriale di tutte le vittime, prima di dire che "tutti devono difendere in ogni modo il valore della nostra democrazia, bene assoluto e inviolabile" A Mauthausen, si legge nelle numerose lapidi alla memoria, morirono almeno 122mila persone, di cui 5.750 italiani: ebrei, ma anche intellettuali, rom, omosessuali, criminali comuni e politici, 'asozialen', asociali. "Credo che la visita di questi luoghi - ha detto Schifani - dia un messaggio a tutto il mondo: cerchiamo di evitare che l'Olocausto si ripeti. Il buio della mente, la violenza efferata nei confronti di tanti innocenti deve farci imparare ad essere più coscienti del valore della nostra democrazia". Per Schifani, infatti, "non basta non dimentica ma occorre anche ricordare in ogni momento della nostra vita politica e fare in modo che la democrazia sia sempre più salda, invincibile e rispettosa delle persone". Per questo la seconda carica dello Stato ha garantito una corsia preferenziale a un eventuale ddl per istituire in Italia il reato di negazionismo e ha definito "un fatto preoccupante" le scritte antisemite apparse sui muri di Roma il giorno prima della sua visita qui a Mauthausen, come avvenne quando, nel 2008, visitò Auschwitz. "Andiamo avanti sereni: dobbiamo seguire questo percorso, che è irreversibile". Nel corso della sua visita a Mauthausen, il presidente del Senato ha attraversato tutto il campo di concentramento, soffermandosi a lungo nelle sale più toccanti, quella della camera a gas e quella dove c'erano i forni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4