domenica 26 febbraio | 09:35
pubblicato il 30/lug/2014 18:19

Shalabayeva: Scotto (Sel), Cassazione inchioda Alfano. Si dimetta

(ASCA) - Roma, 30 lug 2014 - ''C'e' voluta la Cassazione per ripristinare la verita': espellere la Shalabayeva fu una forzatura senza copertura giuridica. Il Ministero, la Questura e la Prefettura di Roma hanno agito contro la legge. Il ministro Alfano si dimetta immediatamente''. Lo afferma in una nota il capogruppo di Sel alla Camera Arturo Scotto commentando la sentenza della Suprema Corte di Cassazione.

''Anomalie nei tempi e stato di detenzione immotivato, diritto di asilo ignorato, diritto alla difesa non esercitato sono solo alcune delle motivazione usate dalla Cassazione per dire che quanto avvenuto a Roma nella notte tra il 28 e il 29 maggio del 2013 non era legale. Particolari clamorosi che rimettono in discussione tutta la ricostruzione offerta da Alfano al Parlamento nel luglio del 2013. Il ministro dell'Interno Alfano, che da subito ha scaricato sulla struttura del Viminale le colpe, ora non ha piu' scuse: si dimetta immediatamente''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech