lunedì 16 gennaio | 16:31
pubblicato il 08/feb/2011 05:10

Sfida Lega su commissioni: Maggioranza certa o stacchiamo spina

Vertice a Arcore: Obiettivo unico riforme. Mercoledì Bossi al Colle

Sfida Lega su commissioni: Maggioranza certa o stacchiamo spina

Roma, 8 feb. (askanews) - Dopo mesi di 'pallottoliere' sui numeri della Camera, la battaglia si sposta sulle commissioni: la Bicamerale per il federalismo prima di tutto, e poi le altre a partire dalla fondamentale Bilancio della Camera dove il pareggio 24 a 24 può paralizzare tutta l'attività di governo. La Lega mette in guardia: "Il nostro obiettivo sono le riforme", ma per riuscirci serve appunto la maggioranza in tutte le commissioni. Altrimenti, "se siamo di fronte a oggettiva impossibilità, tanto vale staccare la spina", spiega Roberto Calderoli. Ovviamente solo dopo aver portato a casa il federalismo fiscale: "Servono ancora due mesi", fa i conti Calderoli. Che spiega anche tra le righe il 'no' all'offerta delle opposizioni: fate cadere il governo e avrete il federalismo. Per il ministro della Semplificazione, invece, andare avanti col governo Berlusconi è la via più rapida per vincere la madre di tutte le battaglie leghiste: "Ragionevolmente, tra il federalismo municipale, e il successivo, l'autonomia impositiva di Regioni e Province, in un paio di mesi si potrà avere un quadro generale". Tra due mesi, dunque, è l'avvertimento della Lega, il Carroccio farà il punto della situazione: senza i numeri nelle commissioni e dunque senza la possibilità di fare le riforme, meglio chiuderla qui. Un ragionamento che con ogni probabilità i vertici del Carroccio hanno svolto in serata al vertice di Arcore con Silvio Berlusconi e che Umberto Bossi riprenderà mercoledì con il Capo dello Stato, quando si terrà l'incontro con Giorgio Napolitano, organizzato dopo lo stop del Presidente della Repubblica al decreto legislativo sul fisco comunale. In quella sede è possibile che il leader della Lega, accompagnato dal fido ministro per la Semplificazione, spinga sulla necessità di cogliere l'ultima occasione per una "legislatura costituente", che completi il federalismo fiscale e poi affronti la riforma istituzionale e la legge elettorale. Sperando magari nella moral suasion del Colle sui Presidenti delle Camere che dovranno sbrogliare la complicata matassa ingarbugliatasi con la nascita di Fli e il suo passaggio all'opposizione e poi con la creazione dei 'Responsabili'. Perchè che Gianfranco Fini e Renato Schifani riescano a trovare un'intesa è ancora tutto da vedere. Già venerdì scorso le prime indiscrezioni sulla posizione del presidente del Senato favorevole ad un riequilibrio a favore della maggioranza (poi smentite dal suo portavoce) avevano rischiato di creare un conflitto con il presidente della Camera, risolto poi con un comunicato congiunto in cui si richiamava il principio della rappresentatività dei gruppi come unico criterio per la composizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow