domenica 11 dicembre | 11:35
pubblicato il 27/ago/2014 14:22

Sereni: Ue sia protagonista dialogo su tutti fronti guerra aperti

(ASCA) - Roma, 27 ago 2014 - "Vorremmo che gli spiragli che si sono aperti in queste ore in Medio Oriente e sulla crisi ucraina fossero davvero segnali di progressi indirizzati alla fine delle violenze e alla costruzione di tregue stabili, per ridare voce alla politica e alla diplomazia e far tacere le armi". E' quanto dichiara la vicepresidente della Camera, Marina Sereni.

"La notte trascorsa senza lancio di razzi e senza raid a Gaza ci dice che, fin qui, il cessate il fuoco permanente proposto dall'Egitto e sostenuto dall'Europa regge. E' positivo anche che Putin e Poroshenko - sottolinea - annuncino di voler riprendere il confronto. Ma la fragilita' di questi segnali non deve essere sottovalutata, gli ostacoli per la pace sono ancora enormi non soltanto tra Israele e Palestina e tra Russia e Ucraina, ma anche per tutti i fronti aperti e per la minaccia del terrorismo senza confini".

(Segue) Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina