martedì 06 dicembre | 15:29
pubblicato il 21/lug/2011 09:01

Senato/Tedesco: Preferivo arresto ma ora è dovere non dimettermi

Mi ha salvato solo maggioranza,Lega in imbarazzo:ritrovi coerenza

Senato/Tedesco: Preferivo arresto ma ora è dovere non dimettermi

Roma, 21 lug. (askanews) - "Ho dimostrato a tutti di essere un uomo chiedendo di votare a favore dell'arresto. Avrei preferito il sì per salvaguardare l'istituzione Senato. Ho fatto di tutto perchè ci fosse un esito diverso: l'ho fatto in piena libertà e non, come si vocifera, su suggerimento del partito che mi ha eletto. Ma ora ho il dovere di restare al mio posto". Alberto Tedesco, salvato nel voto segreto di ieri al Senato dagli arresti domiciliari chiesti dalla magistratura barese per l'inchiesta sulla sanità pugliese negli anni in cui era assessore alla sanità nella giunta Vendola nonostante la maggioranza dei gruppi avesse annunciato il sì all'arresto, conferma che non lascerà il Senato e non si farà arrestare, anche se ieri in aula lui stesso aveva chiesto il sì alla richiesta dei magistrati. "Ora - ha detto Tedesco in una intervista al Messaggero- mi auguro che finalmente mio processo si celebri al più presto" e "ovviamente rinuncerò alla prescrizione del reato di cui mi si accusa". Mentre "dal punto di vista politico mi batterò per l'abolizione della custodia cautelare che per me si può giustificare solo con un danno irreparabile alla comunità e ai singoli". Ed in questo senso il senatore 'salvato' dagli arresti ha espresso "tutta la mia solidarietà umana ad Alfonso Papa", il deputato Pdl a cui invece il voto segreto non è bastato per evitare l'arresto. "La responsabilità - ha sottolineato infine il senatore riferendosi a chi l'abbia salvato nel segreto dell'urna - è tutta della maggioranza: c'e' solo da chiedersi come mai di 'fumus persecutionis' si sia iniziato a parlare solo in aula e non in Giunta". E quanto alla Lega che, nonostante sia stata probabilmente determinante nel no all'arresto proclamato dal Senato, ne ha chiesto insieme a Di Pietro le dimissioni, Tedesco non esita a ribattere con durezza: "La Lega - ha detto - è in evidente imbarazzo. I fatti sono sotto gli occhi di tutti: ognuno può capire come sono andate le cose. Nel '92 la Lega sventolava il cappio giustizialista: non credo proprio possa dare lezioni di garantismo, dovrebbe semmai ritrovare un pò di coerenza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni