venerdì 20 gennaio | 02:50
pubblicato il 29/lug/2015 20:43

Senato salva Azzollini, Pd spaccato sulla libertà di coscienza

Renzi non interviene(e nemmeno Orfini).Minoranza vuole chiarimento

Senato salva Azzollini, Pd spaccato sulla libertà di coscienza

Roma, 29 lug. (askanews) - Il Senato ha 'salvato" il senatore di Ncd, Antonio Azzollini dagli arresti domiciliari. Una votazione in cui è stata determinante la decisione del gruppo del Pd al Senato di lasciare libertà di coscienza. E' stato il capogruppo Luigi Zanda ieri sera ad inviare una lettera ai senatori dem invitandoli a votare "seguendo il proprio convincimento". E del resto i numeri sono eloquenti: 189 voti contro l'arresto e 96 a favore. Insomma senza il Pd Azzollini non ce l'avrebbe fatta e anche se il voto è stato segreto ed è subito partito il rimpallo di accuse tra i gruppi, diversi senatori dem già nelle settimane scorse, durante l'istruttoria della Giunta per le autorizzazioni esprimevano tutte le loro perplessità sulla esistenza di prove che richiedessero i domiciliari. "Vorrei che tutti quelli che dichiarano certezze assolute su Azzollini, leggessero la richiesta della Procura di Trani", ha detto ad esempio il renziano Andrea Marcucci. Altri poi non nascondevano stima e affetto per il senatore di Ncd che ha ricoperto la carica di presidente della commissione Bilancio per tanti anni con diversi governi e con il quale hanno quindi collaborato a lungo. A manifestare plasticamente la divisione in due del Pd su un caso di coscienza come la richiesta di arresto nei confronti di un senatore ci sono i due vicesegretari: da un lato infatti Debora Serracchiani che non ha condiviso la linea dei senatori del suo partito: "Oggi al Senato avrei votato secondo le indicazioni della Giunta per Immunità, senza impedire l'arresto di Azzollini", ha detto aggiungendo che "ci dovremmo anche un pò scusare, perchè credo che non abbiamo fatto una gran bella figura. La politica ha il dovere di mantenere la massima trasparenza nei confronti dei cittadini e della giustizia. Temo che si sia persa un'occasione per dare un buon segnale di cambiamento". Dall'altro Lorenzo Guerini secondo il quale "se anche alcuni senatori del Pd hanno scelto di votare contro l'arresto evidentemente è perchè non hanno rilevato dalle carte ragioni sufficienti per dare l'assenso. Ribadisco che trattandosi di scelte che riguardano le persone vanno soprattutto analizzate le carte".

Di sicuro il caso Azzollini ha riaperto un fronte polemico con la minoranza che ora chiede un chiarimento su tutta la linea del governo. A parlare oggi sono stati diversi esponenti dall'ala dura di Alfredo D'Attorre e Davide Zoggia, mentre Pierluigi Bersani pure interpellato ha preferito non esprimersi. Anche Gianni Cuperlo, meno critico ora verso la maggioranza, ha sostenuto che con questo voto "il Pd si è fatto male" e ha chiesto un chiarimento sulla linea politica. Soprattutto la minoranza ha chiesto a Renzi quale fosse il suo pensiero ma il presidente del Consiglio non si è espresso. A differenza della richiesta di arresto del deputato dem Francantonio Genovese su cui chiese addirittura il voto palese per evitare equivoci sul sì, stavolta il premier-segretario ha preferito non intervenire e lasciare che le diverse sensibilità del suo partito si manifestassero liberamente. Non si è espresso nemmeno il presidente del Pd Matteo Orfini, commissario a Roma e levatore della nuova Giunta Marino. Ma, nel caso di specie, passato alle cronache per il rapidissimo Tweet con cui si espresse poco dopo la richiesta di arresto di Azzollini inviata al Senato dai magistrati di Trani: "Il Pd dirà sì" in nome di un nuovo corso, aveva assicurato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale