mercoledì 07 dicembre | 14:06
pubblicato il 20/set/2012 17:03

Senato/ Pasticcio in Aula: Manca un presidente, stop ai lavori

E' la prima volta nella storia. Mauro scarica Nania: è in ritardo

Senato/ Pasticcio in Aula: Manca un presidente, stop ai lavori

Roma, 20 set. (askanews) - Che i lavori di un'Aula parlamentare si bloccassero e che la seduta dovesse essere sospesa per questo non era mai successo nella storia. E' accaduto anche questo, stamattina al Senato. Alle 11,45 la presidente di turno, Emma Bonino, a 'servizio concluso' si apprestava a lasciare lo scranno più alto di palazzo Madama quando qualcuno le faceva sommessamente notare che non c'era Domenico Nania, il collega che doveva avvicendarsi in presidenza. Conciliabolo di Bonino con l'altra vicepresidente presente in Aula, Rosy Mauro, la quale, sorridendo, prendeva il posto della collega. Tutto regolare, hanno avuto modo di pensare i più, visto che gli avvicendamenti 'fuori turno' alla presidenza sono prassi quotidiana. Meno quotidiano, anzi, unico nella storia, l'annuncio di Rosy Mauro ai colleghi, impegnati nella discussione di una mozione sul contrasto alle violenze alle donne. Causa "un impegno improrogabile" e assenza di un altro presidente disponibile "la seduta è sospesa". Senatori in buvette per quasi mezz'ora, quando un trafelato Renato Schifani è entrato in Aula quasi di corsa e ha dichiarato riaperti i lavori. Immediate e veementi le proteste dei gruppi parlamentari e concitate le spiegazioni dei protagonisti. La prima a parlare, in Aula, è stata Emma Bonino: "Io ho presieduto l'Aula fino alle 11,45. Il turno successivo di presidenza era assegnato al collega Domenico Nania, che temo abbia avuto un disguido per ritardi di volo aereo e che quindi non è arrivato. Io stessa ho chiesto alla vicepresidente Mauro di sostituirsi alla presidenza per i minuti di ritardo di Nania, ma Mauro mi ha informato che avrebbe potuto presiedere solo fino a mezzogiorno". Interpellato dai cronisti, Nania ha confermato: "Io - ha detto cercando di spiegare quanto avvenuto stamattina - avevo l'aereo della Blue Express per Roma da Catania alle 9,15 e dovevo arrivare alle 10,15. Sono invece arrivato a Roma alle 11,45 e al Senato alle 12,20: se c'è da far reclamo, lo si faccia al ministero dei Trasporti". La spiegazione non è piaciuta alla collega Rosy Mauro, che con una nota ha invitato il collega ad assumersi le proprie responsabilità. "Ogni vicepresidente del Senato - ha scritto Mauro - ha il dovere di rispettare i turni assegnati, assumendosene le proprie piene responsabilità. La mia unica colpa, se di colpa si tratta è stata quella di accettare di sostituire il collega assente, pur avendo impegni urgenti ed improrogabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni