martedì 28 febbraio | 12:21
pubblicato il 20/set/2012 17:03

Senato/ Pasticcio in Aula: Manca un presidente, stop ai lavori

E' la prima volta nella storia. Mauro scarica Nania: è in ritardo

Senato/ Pasticcio in Aula: Manca un presidente, stop ai lavori

Roma, 20 set. (askanews) - Che i lavori di un'Aula parlamentare si bloccassero e che la seduta dovesse essere sospesa per questo non era mai successo nella storia. E' accaduto anche questo, stamattina al Senato. Alle 11,45 la presidente di turno, Emma Bonino, a 'servizio concluso' si apprestava a lasciare lo scranno più alto di palazzo Madama quando qualcuno le faceva sommessamente notare che non c'era Domenico Nania, il collega che doveva avvicendarsi in presidenza. Conciliabolo di Bonino con l'altra vicepresidente presente in Aula, Rosy Mauro, la quale, sorridendo, prendeva il posto della collega. Tutto regolare, hanno avuto modo di pensare i più, visto che gli avvicendamenti 'fuori turno' alla presidenza sono prassi quotidiana. Meno quotidiano, anzi, unico nella storia, l'annuncio di Rosy Mauro ai colleghi, impegnati nella discussione di una mozione sul contrasto alle violenze alle donne. Causa "un impegno improrogabile" e assenza di un altro presidente disponibile "la seduta è sospesa". Senatori in buvette per quasi mezz'ora, quando un trafelato Renato Schifani è entrato in Aula quasi di corsa e ha dichiarato riaperti i lavori. Immediate e veementi le proteste dei gruppi parlamentari e concitate le spiegazioni dei protagonisti. La prima a parlare, in Aula, è stata Emma Bonino: "Io ho presieduto l'Aula fino alle 11,45. Il turno successivo di presidenza era assegnato al collega Domenico Nania, che temo abbia avuto un disguido per ritardi di volo aereo e che quindi non è arrivato. Io stessa ho chiesto alla vicepresidente Mauro di sostituirsi alla presidenza per i minuti di ritardo di Nania, ma Mauro mi ha informato che avrebbe potuto presiedere solo fino a mezzogiorno". Interpellato dai cronisti, Nania ha confermato: "Io - ha detto cercando di spiegare quanto avvenuto stamattina - avevo l'aereo della Blue Express per Roma da Catania alle 9,15 e dovevo arrivare alle 10,15. Sono invece arrivato a Roma alle 11,45 e al Senato alle 12,20: se c'è da far reclamo, lo si faccia al ministero dei Trasporti". La spiegazione non è piaciuta alla collega Rosy Mauro, che con una nota ha invitato il collega ad assumersi le proprie responsabilità. "Ogni vicepresidente del Senato - ha scritto Mauro - ha il dovere di rispettare i turni assegnati, assumendosene le proprie piene responsabilità. La mia unica colpa, se di colpa si tratta è stata quella di accettare di sostituire il collega assente, pur avendo impegni urgenti ed improrogabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech