lunedì 05 dicembre | 19:34
pubblicato il 16/mar/2013 12:00

Senato/ I numeri per Grasso e per Schifani, montiani decisivi

Sulla carta per l'ex Procuratore 122 voti,per l'ex Presidente 117

Senato/ I numeri per Grasso e per Schifani, montiani decisivi

Roma, 16 mar. (askanews) - Sono 122, secondo fonti democratiche, i voti certi per Piero Grasso, il candidato del Pd alla presidenza del Senato: 109 Pd, un valdostano, sette di Sinistra e Libertà, cinque su sei degli eletti nelle varie liste Svp o miste Pd-Svp o Pd-popolari trentini. Il sesto, Vittorio Fravezzi, è un montiano che dovrebbe seguire le scelte dei neocentristi. Nel centrodestra c'è qualche speranza, in realtà, su due senatori autonomisti altoatesini, Karl Zeller e Hans Berger, ma dal centrosinistra garantiscono: con Svp c'è un accordo organico. Renato Schifani, già presidente del Senato nella scorsa legislatura e candidato del Pdl, può contare sui 117 voti della coalizione di centrodestra (99 Pdl, 17 Lega nord e uno di Grande Sud). Al quarto turno, quello al quale accedono per ballottaggio i due candidati più votati, quindi verosimilmente Grasso e Schifani, non conteranno i voti del Movimento 5 stelle, perchè i senatori di Beppe Grillo, che al terzo turno rivotano il loro Luis Alberto Orellana, hanno già ribadito anche oggi per bocca del loro capogruppo Vito Crimi l'indisponibilità a far convergere i loro voti su un candidato espressione di altri gruppi. Saranno quindi decisivi al ballottaggio i voti del gruppo di Mario Monti, che alla terza votazione votano scheda bianca (tra l'altro in caso di pareggio vale l'età anagrafica: vince il più anziano, che è Grasso). Sono 18 eletti in Italia e uno all'estero, più il sudamericano Ricardo Merlo, candidato in una lista che ha fatto un accordo elettorale con i montiani. Contando anche il senatore a vita e premier uscente, potenzialmente possono spostare un blocco di 21 schede. E infatti al Senato si dà per certo un pressing in corso su qualche eletto della lista Con Monti per l'Italia, che al ballottaggio potrebbe spostarsi su Schifani per impedire il 'filotto' Camera-Senato del centrosinistra. Del resto, il segnale inequivocabile che nel Pdl non danno per persa la partita viene dalla presenza annunciata di Silvio Berlusconi alla quarta e decisiva votazione di palazzo Madama.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari