sabato 03 dicembre | 01:48
pubblicato il 25/lug/2013 14:26

Senato: Fedeli (Pd), insulti ai dipendenti inaccettabili

Senato: Fedeli (Pd), insulti ai dipendenti inaccettabili

(ASCA) - Roma, 25 lug - ''La campagna contro i dipendenti di Senato e Camera messa in atto attraverso alcuni social network e' sia nei contenuti che nel linguaggio assolutamente inaccettabile''. Lo afferma il vicepresidente del Senato, Valeria Fedeli del Pd.

''Non e' ammissibile che ci si scagli in questo modo contro coloro che svolgono il loro lavoro nelle istituzioni, lavoro che va invece tutelato - proswegue -. Il linguaggio adottato, con frasi come ''se uccidi un dipendente della Camera o del Senato contribuisci al risparmio e alla spesa pubblica'', trascende da un civile confronto politico e assume toni demagogici e offensivi, quando non addirittura minacciosi. Si tratta, peraltro, di notizie assolutamente false che servono solo a creare un clima di odio e diffidenza che nulla ha a che vedere con la liberta' d'opinione ma serve solo a ledere l'immagine e la professionalita' di chi lavora con impegno e serieta'''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari