domenica 19 febbraio | 15:46
pubblicato il 10/dic/2013 17:13

Senato: Consiglio presidenza, prorogato taglio indennita' parlamentare

Senato: Consiglio presidenza, prorogato taglio indennita' parlamentare

+++Taglio diaria per senatori a vita assenti. Deciso anche l'obbligo del deposito contratto di lavoro per collaboratori+++ .

.

(ASCA) - Roma, 10 dic - Proroga della riduzione dell'indennita' parlamentare fino al 31 dicembre 2015, trattenute sulla diaria anche per i senatori a vita in caso di assenze dai lavori dell'assemblea e delle commissioni, regole piu' severe per i rimborsi per i viaggi dei senatori eletti all'estero, obbligo di deposito del contratto di lavoro dei collaboratori dei senatori. Sono queste le principali decisioni adottate oggi dal Consiglio di Presidenza del Senato della Repubblica che si e' riunito nel pomeriggio a Palazzo Madama. Per quanto riguarda l'indennita' parlamentare - si legge su una nota diffusa dalla Presidenza del Senato - occorre ricordare che essa era stata ridotta del 10 per cento per la parte eccedente i 90 mila euro annui e del 20 per cento per i senatori che hanno un reddito da attivita' lavorativa uguale o superiore al 15 per cento dell'indennita' parlamentare lorda annua. La riduzione era stata introdotta nell'ottobre 2011 a seguito del decreto-legge 138/2011, con scadenza al 31 dicembre di quest'anno. Il Consiglio di Presidenza ha deciso di prorogare il ''taglio'' fino al 31 dicembre 2015. Sui senatori a vita il Consiglio di Presidenza ha deciso di dare attuazione all'ordine del giorno G4 approvato nella seduta del 6 novembre scorso, durante l'esame del bilancio interno del senato. I senatori a vita, quindi, non saranno piu' esclusi dalla disciplina generale che riguarda le trattenute sulla diaria. Ricordiamo che la decurtazione, per i lavori dell'assemblea, si applica se il senatore non partecipa almeno al 30 per cento delle votazioni effettuate nell'arco della giornata. Per i rimborsi delle spese di viaggio dei senatori eletti all'estero, il Consiglio di Presidenza ha deciso di introdurre limiti piu' severi, nell'ambito delle procedure di ''spending review''. Infine, per quanto riguarda il rapporto di lavoro dei collaboratori dei senatori, la decisione del Consiglio di Presidenza prevede l'obbligo di depositare il contratto e la comunicazione dell'assunzione inviata ai competenti uffici territoriali del ministero del lavoro. A questo proposito si ricorda che il collaboratore non puo' essere parente o affine entro il quarto grado ne' convivente del senatore con il quale ha un rapporto di lavoro. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia