domenica 11 dicembre | 06:11
pubblicato il 28/gen/2012 12:19

Semplificazioni/ Calderoli: Da Napolitano due pesi e due misure

"Con Berlusconi norme non urgenti, ma oggi che le firma Monti..."

Semplificazioni/ Calderoli: Da Napolitano due pesi e due misure

Roma, 28 gen. (askanews) - Sulle norme del dl semplificazioni il leghista Roberto Calderoli attacca il capo dello Stato, accusandolo di usare "due pesi e due misure": "Buona parte dei contenuti del decreto legge di ieri sulle semplificazioni sono gli stessi, o quanto meno una loro variante, del decreto legge per la crescita predisposto dal sottoscritto, da Roberto Castelli, Paolo Romani, Renato Brunetta ecc ecc, che mai ha visto la luce - sostiene - a causa dell'indisponibilità del presidente Giorgio Napolitano a firmarlo. Un decreto che, probabilmente, avrebbe consentito la ripresa del Paese e impedito gli attacchi speculativi e l'impennata dello spread". Prosegue l'ex ministro della Semplificazione: Il Consiglio dei Ministri che lo stava esaminando - informato che il decreto avrebbe dovuto essere trasformato in emendamento alla legge di stabilità, perdendo così per strada la maggior parte dei contenuti - fu sospeso dal presidente Silvio Berlusconi, proprio per un ulteriore estremo tentativo di convincere il Colle che invece si dichiarò irremovibile all'ipotesi della decretazione d'urgenza. Adesso scopriamo che quelle norme rifiutate ieri dal Colle, perché prive dei requisiti di necessità e di urgenza, sono diventate oggi necessarie e urgenti semplicemente perché la firma sul decreto legge è quella di Mario Monti e non più di Silvio Berlusconi". "Due pesi e due misure, caro presidente Napolitano, che mi amareggiano e che fanno vacillare - dice ancora Calderoli - la stima che avevo per lei. Rilevo poi che, curiosamente, nel decreto mancano le parti più rilevanti per la crescita, ovvero le parti che erano più invise ai poteri forti e d'altra parte non potrebbe che essere così in un regime di fascismo bianco, dove i media celebrano l'abrogazione di 300 leggi e dimenticano le 425.000 norme bruciate nel 2010 dal sottoscritto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina