domenica 26 febbraio | 07:15
pubblicato il 14/giu/2013 12:42

Semplificazioni: Brunetta, Letta abbia piu' coraggio. Lo appoggeremo

Semplificazioni: Brunetta, Letta abbia piu' coraggio. Lo appoggeremo

(ASCA) - Roma, 14 giu - ''Secondo le indiscrezioni della stampa e' in arrivo un ennesimo decreto semplificazioni.

Aspettiamo di vedere il testo, quello che si sa desta qualche preoccupazione, piu' di metodo che di contenuto. Credo che sia cosa buona cancellare la norma del 1925 che prevede l'obbligo di presentare il certificato di sana e robusta costituzione per la 'inscrizione' al corso superiore dell'istituto magistrale. Mi domando pero' se il nostro Paese ha bisogno solo di questo o non serva invece una scossa piu' forte, un diverso approccio della burocrazia verso i cittadini e le imprese. Rilanciando cosi', oltre che con i decreti sul lavoro, l'occupazione e il reddito''. Lo ha affermato in una nota il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta.

''Non occorre per questo andare troppo lontano, gia' oggi la legge prevede le zone a burocrazia zero. Perche' allora non immaginare un'Italia a burocrazia zero, dove sia chiaro cosa ti viene chiesto e dove le autorizzazioni sono solo quelle davvero indispensabili''. Dunque ''un'Italia dove i controlli vengono dopo e non prima e dove le sanzioni per chi dichiara il falso sono pesanti, non dove l'impresa si ferma in attesa di un permesso che non arriva. Un'Italia in cui l'amministrazione e' davvero digitale e non fa finta di esserlo. Un'Italia in cui per vendere o affittare il patrimonio demaniale disponibile non sono necessarie complesse alchimie di societa' pubbliche ma dove e' sufficiente la richiesta di acquisto di un potenziale compratore e un'asta trasparente. Un'Italia in cui i dati non si trasmettono tra mille amministrazioni ma, piu' semplicemente, si mettono a disposizione di chi ha interesse e titolo a conoscerle'', ha spiegato Brunetta. ''Capisco che non e' facile, che gli alti burocrati spingono a non decidere nulla, che cambiare approccio non e' popolare negli uffici e si preferisce immaginare l'ennesimo tavolo di lavoro o nuovo comitato per le semplificazioni. Se il presidente Letta ci mette un po' pi u' di coraggio la maggioranza lo sosterra'. Per favore pero', evitiamo di prendere in giro gli italiani, che hanno tutti sana e robusta intelligenza'', ha concluso l'ex ministro. com-brm/mar/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech