domenica 04 dicembre | 19:46
pubblicato il 20/gen/2014 19:28

Semplificazione: Regioni, si ottiene con la collaborazione istituzionale

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - La semplificazione non si ottiene unilateralmente, ma solo con la collaborazione istituzionale tra comparti della pubblica amministrazione e livelli di governo, da un lato, e, dall'altro, con la partecipazione degli stakeholder.

Si e' svolta oggi un'audizione di una delegazione della Conferenza delle Regioni e delle province autonome presso la Commissione parlamentare per la semplificazione, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulla semplificazione legislativa ed amministrativa. La posizione delle Regioni e' stata illustrata dall'assessore della Regione Lazio, Concettina Ciminiello che ha lasciato agli atti della Commissione un documento approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

''Le Regioni - ha spiegato la Ciminiello - suggeriscono un metodo di lavoro per la semplificazione che tenga conto di tre condizioni.

Prima di tutto occorre considerare che la semplificazione si effettua a livello amministrativo e organizzativo, misurando gli interventi caso per caso, intervenendo solo in ultima istanza a livello normativo.

La semplificazione - prosegue Ciminiello - deve tradursi in un'attivita' di verifica del sistema, considerando sempre l'impatto delle modifiche introdotte e la loro sostenibilita'.

Terza questione. La semplificazione non si ottiene unilateralmente, ma solo con la collaborazione istituzionale tra comparti della pubblica amministrazione e livelli di governo, da un lato, e, dall'altro, con la partecipazione degli stakeholder.

Anche per questi motivi - ha proseguito Ciminiello - le Regioni danno grande importanza all'iniziativa della Commissione per la semplificazione. Un'indagine allargata che parta proprio dalle esperienze condotte aiutera' ad identificare i problemi e a tentarne una soluzione''.

In un quadro non privo di diverse criticita' le Regioni hanno tentato di ''interpretare il proprio ruolo in materia di semplificazione, approntando strumenti e metodi per fa fronte alle numerose complessita' insite sia nell'esercizio delle prerogative legislative che amministrative a cui devono corrispondere. Un dato comune a molte Regioni - si legge nel documento della Conferenza delle Regioni - e' proprio l'aver acquisito una consapevolezza'' sulla ''necessita' di un governo complessivo della semplificazione dove e' fondamentale un indirizzo che promana dal centro (la regione) e si sviluppa e si attua attraverso i territori, coinvolgendo nei processi decisionali e di monitoraggio costante degli effetti anche la componente rappresentativa delle imprese, dei cittadini e dei lavoratori'' e talvolta ''misure e iniziative varate e sviluppate a livello regionale e locale scontano i ritardi e le inefficienze che promanano dalle amministrazioni statali o da norme dettate dallo Stato.'' ''Il tema della semplificazione e' stato per lungo tempo appannaggio esclusivo del legislatore statale'' e che spesso ''ha interpretato la semplificazione come un esercizio di tipo comunicativo e para-elettorale. Al contrario, una strada alternativa per semplificare in Italia e' possibile''.

Un approccio diverso al tema della semplificazione e' gia' stato sperimentato e ha gia' prodotto alcuni risultati: ''Si tratta - prosegue il Documento della Conferenza - dell'esperienza del Tavolo istituzionale previsto dal piu' volte richiamato Accordo siglato in Conferenza Unificata nel maggio 2012.

E' dunque prioritario, concludono le Regioni, ''rinnovare il patto di collaborazione tra tutti i livelli di governo attraverso l'individuazione di una nuova Agenda comune per la semplificazione'', proseguendo il lavoro tecnico svolto ultimamente, grazie alla collaborazione e all'impegno profuso dalla struttura tecnica del Ministero competente in materia di semplificazione.

rus/mar/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari