sabato 03 dicembre | 13:00
pubblicato il 21/giu/2014 14:59

Sel: Fratoianni, punto di divisione e' giudizio sul governo

Sel: Fratoianni, punto di divisione e' giudizio sul governo

(ASCA) - Roma, 21 giu 2014 - ''Noi ci siamo divisi sul governo, sul nostro giudizio sul governo e su Renzi. Chi se ne va lo fa perche' ritiene necessario cambiare la collocazione di Sel e sostenere l'azione del Governo Renzi.

Chi se ne va lo fa perche' interpreta Renzi come l'unico fattore di innovazione a sinistra. Io non considero questa scelta un tradimento. Semplicemente non sono d'accordo. Penso che sia un errore clamoroso''. Cosi Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale di Sel su Facebook.

''Mi dispiace - prosegue il coordinatore di Sel - perche' tra chi ha scelto di andare via ci sono persone come Migliore col quale ho condiviso 20 anni di vita. Ora pero' e' il momento di capire perche ' siamo arrivati a questo punto Si e' descritto il nostro dibattito come lo scontro tra chi voleva andare nel Pd e chi in nome di una costituente della sinistra radicale cercava di riportare Sel indietro nel tempo, addirittura impegnato nel tentativo di trasformarla in una nuova versione di Rifondazione. La verita' e' che questa rappresentazione delle cose non ha nulla a che vedere con quello che e' successo. Noi ci siamo divisi sul Governo, sul nostro giudizio sul Governo e su Renzi. Chi tra i parlamentari se ne va parte dall'idea che si sia chiuso ogni spazio politico per una forza autonoma della sinistra''. ''Resto convinto - conclude Fratoianni - che questo sia il nostro campo e che oggi sia possibile coltivarlo se sapremo guardare con intelligenza all'esperienza della lista Tsipras e a quel milione e duecentomila voti che hanno premiato la nostra scelta congressuale non considerando quel risultato, e chi con noi lo ha costruito, come un recinto nel quale rinchiudersi ma come uno dei punti da cui muovere la nostra iniziativa per ricostruire le condizioni del cambiamento, per incalzare il Governo e persino se ce ne saranno le condizioni per cambiare in Parlamento i rapporti di forza''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari