sabato 21 gennaio | 18:24
pubblicato il 21/giu/2014 14:59

Sel: Fratoianni, punto di divisione e' giudizio sul governo

Sel: Fratoianni, punto di divisione e' giudizio sul governo

(ASCA) - Roma, 21 giu 2014 - ''Noi ci siamo divisi sul governo, sul nostro giudizio sul governo e su Renzi. Chi se ne va lo fa perche' ritiene necessario cambiare la collocazione di Sel e sostenere l'azione del Governo Renzi.

Chi se ne va lo fa perche' interpreta Renzi come l'unico fattore di innovazione a sinistra. Io non considero questa scelta un tradimento. Semplicemente non sono d'accordo. Penso che sia un errore clamoroso''. Cosi Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale di Sel su Facebook.

''Mi dispiace - prosegue il coordinatore di Sel - perche' tra chi ha scelto di andare via ci sono persone come Migliore col quale ho condiviso 20 anni di vita. Ora pero' e' il momento di capire perche ' siamo arrivati a questo punto Si e' descritto il nostro dibattito come lo scontro tra chi voleva andare nel Pd e chi in nome di una costituente della sinistra radicale cercava di riportare Sel indietro nel tempo, addirittura impegnato nel tentativo di trasformarla in una nuova versione di Rifondazione. La verita' e' che questa rappresentazione delle cose non ha nulla a che vedere con quello che e' successo. Noi ci siamo divisi sul Governo, sul nostro giudizio sul Governo e su Renzi. Chi tra i parlamentari se ne va parte dall'idea che si sia chiuso ogni spazio politico per una forza autonoma della sinistra''. ''Resto convinto - conclude Fratoianni - che questo sia il nostro campo e che oggi sia possibile coltivarlo se sapremo guardare con intelligenza all'esperienza della lista Tsipras e a quel milione e duecentomila voti che hanno premiato la nostra scelta congressuale non considerando quel risultato, e chi con noi lo ha costruito, come un recinto nel quale rinchiudersi ma come uno dei punti da cui muovere la nostra iniziativa per ricostruire le condizioni del cambiamento, per incalzare il Governo e persino se ce ne saranno le condizioni per cambiare in Parlamento i rapporti di forza''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4