mercoledì 07 dicembre | 18:16
pubblicato il 15/nov/2013 12:00

Sel chiede revoca Cavalierato a Berlusconi: "E' indegno"

Gruppo presenta interrogazione al ministro Sviluppo Economico

Sel chiede revoca Cavalierato a Berlusconi: "E' indegno"

Palermo, 15 nov. (askanews) - La revoca dell'onorificenza di cavaliere del Lavoro nei confronti di Silvio Berlusconi: a chiederlo è il gruppo parlamentare di Sinistra Ecologia e Libertà, che ha depositato un'interrogazione scritta al ministro dello Sviluppo Economico. Nel documento, che ha come primo firmatario il deputato Erasmo Palazzotto, si pone la questione se "sussistano le condizioni previste dalla legge" affinché il titolo, concesso all'ex premier nel 1977 dall'allora presidente della Repubblica Giovanni Leone, sia revocato per indegnità. Precedente illustre di revoca del titolo è quello dell'ex patron della Parmalat, Calisto Tanzi, che nel 2010, a conclusione della vicenda giudiziaria legata al crac dell'azienda di Collecchio, vide togliersi dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il cavalierato "per indegnità" conferitogli nel 1984.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni