martedì 06 dicembre | 21:13
pubblicato il 07/nov/2013 16:17

Scuola: tutte le novita' del dl istruzione, cambiano norme dirigenti

Scuola: tutte le novita' del dl istruzione, cambiano norme dirigenti

(ASCA) - Roma, 7 nov - Approvato anche in Senato il dl istruzione, diventa ora legge. Soddisfatta il ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca Maria Chiara Carrozza. Per il mondo dell'istituzione scolastica, la legge prevede, per quanto riguarda la continuita' del servizio scolastico, un cambiamento nella procedura di assunzione dei dirigenti scolastici: saranno selezionati attraverso un corso-concorso annuale di formazione della Scuola Nazionale dell'Amministrazione. Le graduatorie dell'ultimo concorso diventano a esaurimento e dovranno essere esaurite prima di procedere a una nuova selezione. Nelle regioni in cui i precedenti concorsi per dirigenti scolastici non si sono ancora conclusi saranno assegnati incarichi temporanei di presidenza a reggenti, assistiti da docenti incaricati. Questi ultimi sono esonerati dall'insegnamento. Sara' poi definito un piano triennale di immissioni in ruolo del personale docente, educativo e Ata (Ausiliario tecnico e amministrativo) per gli anni scolastici 2014-2016 (69mila docenti e 16mila Ata nel triennio). Il piano terra' conto dei posti vacanti e disponibili in ciascun anno e dei pensionamenti. Inoltre, e' prevista l'assunzione di 57 dirigenti tecnici per il sistema della valutazione vincitori dell'ultimo concorso. Docenti inidonei per motivi di salute: fino alla conclusione dell'anno scolastico 2015-2016 possono essere utilizzati per iniziative per la prevenzione della dispersione scolastica, per attivita' culturali e di supporto alla didattica. Docenti di sostegno: al fine di garantire la continuita' nell'erogazione del servizio scolastico agli alunni disabili si autorizza l'assunzione a tempo indeterminato di docenti di sostegno (oltre 26.000). Si dara' cosi' una risposta stabile a piu' di 52.000 alunni oggi assistiti da insegnanti che cambiavano da un anno all'altro. E' prevista l'unificazione delle quattro aree scientifiche dei docenti di sostegno per il futuro reclutamento. Dal 2015-2016 il riparto dei posti di sostegno garantisce una percentuale uguale tra regioni. Edilizia scolastica: per far fronte alle carenze strutturali delle scuole, per la costruzione di nuovi edifici scolastici, per l'adeguamento o la costruzione di nuove palestre nelle scuole e edifici e residenze universitarie di proprieta' degli enti locali, le Regioni potranno contrarre mutui trentennali, a tassi agevolati, con la Banca Europea per gli Investimenti, la Banca di Sviluppo del Consiglio d'Europa, la Cassa depositi e prestiti o con istituti bancari. Gli oneri di ammortamento saranno a carico dello Stato. Le rate di ammortamento dei mutui attivati sono pagate agli Istituti finanziatori direttamente dallo Stato. Dimensionamento: dal prossimo anno scolastico, il ministro dell'Istruzione, di concerto con il ministro dell'Economia, previo accordo in Conferenza Unificata, definira' i criteri per la definizione del contingente organico dei dirigenti scolastici e dei direttori dei servizi generali e amministrativi, nonche' per la sua distribuzione tra le regioni, che provvederanno autonomamente al dimensionamento scolastico sulla base di questo accordo. Formazione dei docenti: 10 milioni per il 2014 per la formazione del personale scolastico. In particolare, la norma punta ad un rafforzamento delle competenze digitali degli insegnanti, della formazione in materia di percorsi scuola-lavoro e a potenziare la preparazione degli studenti nelle aree ad alto rischio socio-educativo. Tra le attivita' di formazione rientra l'incremento delle competenze relative all'educazione all'affettivita' e al rispetto delle diversita' e pari opportunita'. Altri 10 milioni nel 2014 serviranno per l'accesso gratuito del personale docente di ruolo e con contratto a termine della scuola nei musei statali e nei siti di interesse archeologico, storico e culturale.  Formazione nelle aziende: gli istituti tecnici superiori possono stipulare convenzioni con imprese per la realizzazione di progetti formativi congiunti per un periodo di formazione regolato da un contratto di apprendistato. Questa possibilita' riguarda anche le Universita', con riconoscimento di un massimo di 60 crediti. Formazione artistica musicale e coreutica: 5 milioni sono stanziati per il 2014 in favore degli Istituti superiori di studi musicali pareggiati per garantire la continuita' didattica e fare fronte alle loro difficolta' finanziarie. Un milione e' stanziato per le Accademie di Belle Arti finanziate dagli enti locali. Sempre per garantire la continuita' didattica, i contratti a tempo determinato dell'Alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam) attivati lo scorso anno accademico possono essere rinnovati per il successivo. Si prevede l'inserimento del personale docente con almeno 3 anni accademici di insegnamento in apposite graduatorie nazionali utili per l'attribuzione degli incarichi di insegnamento a tempo determinato in subordine alle graduatorie nazionali a esaurimento. Misure di semplificazione. Il cosiddetto bonus maturita' e' abrogato ma sono salvaguardate le posizioni di coloro che in virtu' del bonus si sarebbero potuti iscrivere ai corsi a numero chiuso, consentendo loro l'iscrizione in sovrannumero per l'anno accademico 2013-2014, ovvero al primo o secondo anno dell'anno successivo con riconoscimento di crediti. A partire dall'anno accademico 2013-2014, l'importo dei contratti dei medici specializzandi e' determinato a cadenza triennale e non piu' annuale. L'ammissione alle scuole di specializzazione avverra' sulla base di una graduatoria nazionale. La durata dei corsi verra' ridotta con un decreto ministeriale per accelerare l'ingresso degli specialisti italiani nel mondo del lavoro, in linea con le migliori pratiche diffuse a livello europeo e con le esigenze del Servizio Sanitario Nazionale, con destinazione degli eventuali risparmi all'incremento dei contratti dei medici specializzandi. La durata del permesso di soggiorno degli studenti stranieri, per la frequenza di un corso delle istituzioni scolastiche, universitarie, dell'Afam o per formazione, e' allineata a quella del corso di studi o di formazione, nel rispetto della specifica disciplina sulla verifica del profitto. red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni