mercoledì 18 gennaio | 05:58
pubblicato il 26/ago/2014 16:36

Scuola: studenti, pronti a scendere in piazza contro riforma Giannini

(ASCA) - Roma, 26 ago 2014 - Gli studenti sono gia' sul piede di guerra contro il Piano scuola del ministro Stefania Giannini, che verra' presentato in consigli dei ministri il 29 agosto: ''Siamo pronti a scendere in piazza'', avvertono, con qualche distinguo, l'Unione degli Studenti, Uds, e la Rete degli studenti.

''E' una riforma che guarda agli interessi di pochi e non a quelli del Paese. Le dichiarazioni della Giannini sono sconcertanti'' ha dichiarato Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti, aggiungendo: ''Sembrano voler portare a termine le idee degli ultimi governi Berlusconi sulla scuola pubblica''. Per l'Uds soprattutto ''e' inaccettabile procedere a nuove agevolazioni sulle scuole private, proprio mentre la scuola pubblica paga le conseguenze peggiori dopo anni di tagli. Il miliardo e mezzo di risorse recuperate non sono nulla rispetto alle reali esigenze''.

Inoltre, ''se il Piano Scuola rispettera' le linee guida emerse dalle dichiarazioni del Ministro, migliaia di precari dovranno per sempre rinunciare al sogno di poter insegnare e i docenti in ruolo dovranno farsi la guerra tra loro per ottenere i premi in base alla disponibilita' oraria e alle attitudini'' ha continuato il rappresentante dell'associazione studenti, non rinunciando ad una stoccata: ''La scuola non puo' essere un ambiente competitivo, dove va avanti il piu' forte, ma cooperativo, dove si va avanti assieme. Giannini si rileggesse Don Milani, invece di citarlo senza comprenderlo''.

Gli studenti sono anche ''realmente preoccupati dai possibili investimenti degli imprenditori privati nelle scuole pubbliche.

Non siamo disponibili a piegarci agli interessi delle aziende per avere qualche laboratorio in piu' nei tecnici. Investisse lo Stato come purtroppo non fa da troppi anni. Non si combattono la dispersione scolastica e la disoccupazione consegnando gli studenti alle aziende sin dal terzo anno.

Ancora una volta si attribuisce all'istruzione la responsabilita' della mancanza di occupazione, incentivando uno svilimento della funzione pedagogica dell'istruzione in favore di uno sterile insegnamento di mestieri''. Infine gli studenti accusano di non essere stati ''minimamente interpellati rispetto alle loro idee, nonostante vivano ogni giorno le scuole italiane''. E la conclusione e' chiara: ''Siamo pronti a dar battaglia e a mobilitarci nei prossimi mesi, a partire dalle manifestazioni studentesche del 10 ottobre''.

Anche gli studenti della Rete, dopo le anticipazioni sul provvedimento del ministro Giannini al Meeting di Comunione e Liberazione ''sono pronti a scendere in piazza'' anche se la Rete non disdegna tutto il piano preannunciato: ''Pur essendoci degli aspetti potenzialmente positivi nelle dichiarazioni del ministro, come le nuove assunzioni di docenti, alcune novita' sulla didattica e sugli strumenti digitali o un piu' equo rapporto tra studenti disabili e insegnanti di sostegno, altri aspetti del provvedimento scuola ci lasciano perplessi'', ha dichiarato Alberto Irone, Portavoce Nazionale Rete Studenti Medi.

Anche la Rete contesta la scarsa attenzione alla scuola pubblica in favore delle paritarie, ''la scuola pubblica e' stata massacrata negli ultimi anni ed e' quindi a questa che dovrebbe andare la massima attenzione del ministro'', punta il dito sul rischio che l'indipendenza e la funzione didattica della scuola siano sacrificate per il mondo del lavoro privato e in nome del suo capitale, specie sul fronte dell'investimento dei privati. E criticano anche lo stile: ''E' inaccettabile la decisione del Ministro di presentare il provvedimento sulla Scuola al Meeting di Comunione e Liberazione''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa