venerdì 20 gennaio | 17:19
pubblicato il 15/mag/2015 09:07

Scuola, Renzi: preside non chiama chi vuole ad insegnare

"Modificati due punti, fatti passi avanti"

Scuola, Renzi: preside non chiama chi vuole ad insegnare

Roma, 15 mag. (askanews) - "Non è che il preside chiama chi vuole ad insegnare: sceglie in modo trasparente con un colloquio e all'interno dell'albo dei professori". Lo ha detto il premier Matteo Renzi rispondendo, durante l'intervista a Radio anch'io su Rai Radio1, a una domanda sui "superpoteri" dei presidi nella riforma della scuola. Inoltre il premier ha ricordato che sugli altri due punti che riguardano le funzioni del preside "abbiamo fatto modifiche e ci sono stati passi avanti": "la valutazione dei docenti non spetta al singolo preside ma a un nucleo tecnico - ha concluso -, inoltre il piano dell'offerta formativa deve essere approvato dal Consiglio di istituto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire