lunedì 05 dicembre | 00:16
pubblicato il 15/mag/2015 09:07

Scuola, Renzi: preside non chiama chi vuole ad insegnare

"Modificati due punti, fatti passi avanti"

Scuola, Renzi: preside non chiama chi vuole ad insegnare

Roma, 15 mag. (askanews) - "Non è che il preside chiama chi vuole ad insegnare: sceglie in modo trasparente con un colloquio e all'interno dell'albo dei professori". Lo ha detto il premier Matteo Renzi rispondendo, durante l'intervista a Radio anch'io su Rai Radio1, a una domanda sui "superpoteri" dei presidi nella riforma della scuola. Inoltre il premier ha ricordato che sugli altri due punti che riguardano le funzioni del preside "abbiamo fatto modifiche e ci sono stati passi avanti": "la valutazione dei docenti non spetta al singolo preside ma a un nucleo tecnico - ha concluso -, inoltre il piano dell'offerta formativa deve essere approvato dal Consiglio di istituto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari