mercoledì 22 febbraio | 07:32
pubblicato il 23/gen/2013 15:44

Scuola: Province, abbiamo bisogno di soldi per messa in sicurezza

Scuola: Province, abbiamo bisogno di soldi per messa in sicurezza

(ASCA) - Roma, 23 gen - ''Creare fondi immobiliari per intervenire sull'edilizia scolastica puo' essere uno strumento utile di programmazione a lunga scadenza. Ma il Paese vive oggi una gravissima emergenza sicurezza che deve essere affrontata subito. Non abbiamo 7 anni di tempo per garantire agli studenti scuole sicure''. Lo ha detto il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta al Ministro Profumo, intervenendo ad un incontro al Ministero dell'istruzione, convocato per illustrare a Regioni, Province e Comuni una proposta di decreto che prevedrebbe la costituzione di un fondo unico per l'edilizia scolastica, da attivare prioritariamente attraverso sistemi di partenariato pubblico-privato.

''E' uno strumento che presenta ancora troppe criticita' - ha detto Saitta - perche' non puo' consentire di intervenire sull'emergenza, ma produce risultati solo sul lungo periodo.

Non abbiamo avuto risposta sulla reale dotazione economica di questo fondo, ma e' evidente che, per attrarre capitali privati, potrebbe essere attivato solo da Comuni e Province che dispongano di un patrimonio immobiliare di grande valore.

Ma poi, e' davvero opportuno per il Paese avviare una privatizzazione della gestione delle scuole pubbliche? Un soggetto privato dovrebbe, chiaramente, cercare profitto da una operazione finanziaria di questo tipo, e questo potrebbe spingere anche a non tenere conto delle esigenze del territorio in termini di localizzazione delle scuole stesse.

Ribadiamo - - ha aggiunto Saitta - che per le Province la vera priorita' e' assicurare risorse per un piano pluriennale di edilizia scolastica che possa essere attivato, da subito, attraverso il fondo unico ordinario predisposto dal Ministero, e l'esclusione delle spese per gli investimenti nelle scuole dal patto di stabilita' di Regioni, Province e Comuni . Come Province abbiamo oltre 2 miliardi bloccati dal patto di stabilita' e a causa dei tagli ai bilanci e dei vincoli imposti dal patto la nostra capacita' di investire nelle scuole negli ultimi 5 anni e' crollata di oltre il 60%.

Abbiamo fatture bloccate per lavori gia' fatti per investimenti di manutenzione e messa in sicurezza delle scuole pari a circa 350 milioni di euro. Chiederemo con forza al nuovo Governo e al nuovo Parlamento di permetterci di sbloccare queste risorse''. rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia