mercoledì 18 gennaio | 13:22
pubblicato il 06/mar/2013 12:00

Scuola/ Ocse: Italia in ritardo su digitale, servono più risorse

Da Piano Miur visione realistica e ambiziosa, ma mancano i fondi

Scuola/ Ocse: Italia in ritardo su digitale, servono più risorse

Roma, 6 mar. (askanews) - L'Ocse boccia l'Italia sulle dotazioni multimediali e l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (Ict) nella scuola, sulle quali siamo "in ritardo rispetto alla maggioranza dei paesi: nel 2011 solo il 30% degli studenti italiani di terza media utilizzava le Ict come strumento di apprendimento durante le lezioni di scienze, rispetto a una media del 48% in altri Paesi dell'Ocse", dice l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico nello studio sul Piano nazionale italiano per la Scuola Digitale, presentato oggi a Roma al Ministero dell'Istruzione. Secondo l'Ocse il Piano, lanciato nel 2007 dal Miur, "utilizza le sue modestissime risorse finanziarie per attuare una visione realistica e ambiziosa dell'innovazione: le scarse risorse del Piano - sottolinea l'organizzazione - hanno limitato l'efficacia delle sue diverse iniziative. soprattutto a causa della mancanza di risorse più che di una scarsa domanda da parte delle scuole e degli insegnanti, che la presenza delle dotazioni tecnologiche nelle classi è ancora molto bassa". Nel suo dossier l'Ocse ricorda che sulle dotazioni multimediali e sulle Ict il Piano italiano per la Scuola Digitale "ha stanziato 30 milioni di euro all'anno per 4 anni, ossia meno dello 0,1% della spesa pubblica per l'istruzione (ovvero meno di 5 euro per studente di scuola primaria e secondaria all'anno). Un aumento significativo delle risorse attraverso finanziamenti pubblici o privati è una condizione necessaria al successo del Piano così com'è attualmente configurato". "Viste le attuali restrizioni di bilancio, è difficile prevedere un aumento delle risorse, e il rapporto propone di riconsiderare alcuni aspetti del Piano per raggiungere due obiettivi: accelerare l'integrazione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle scuole e nelle classi; creare una Rete di Laboratori per l'Innovazione in cui alcune scuole pilota sperimentino e concepiscano nuove pratiche didattiche e organizzative per migliorare il sistema scolastico italiano, reindirizzando i progetti di innovazione sull'iniziativa scuol@ 2.0", conclude l'Ocse.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa