domenica 04 dicembre | 15:34
pubblicato il 05/ott/2013 12:00

Scuola/ Lega chiede test italiano per accesso bimbi stranieri

Rivedere il sistema di accesso per ogni ordine e grado

Scuola/ Lega chiede test italiano per accesso bimbi stranieri

Milano, 5 ott. (askanews) - Rivedere il sistema di accesso degli studenti stranieri alla scuola di ogni ordine e grado, autorizzando il loro ingresso previo superamento di test e specifiche prove di valutazione e istituire in via sperimentale classi di alfabetizzazione che consentano agli studenti non italofoni di frequentare corsi di apprendimento della lingua italiana. la proposta avanzata dalla Lega Nord e presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa organizzata presso la Segreteria provinciale di Bergamo, città dove martedì il ministro Cécile Kyenge terrà una Lectio Magistralis. "Da parte della Lega Nord - ha affermato il segretario provinciale Daniele Belotti - non vi sarà nessuna contestazione. La nostra sfida alla Kyenge questa volta si giocherà solo sul piano programmatico, considerata anche l'apertura dimostrata dal ministro lo scorso 24 settembre nel corso di una trasmissione televisiva su TvSat 2000, riguardo alla proposta di istituire delle classi ponte in cui i bambini non italofoni potrebbero imparare la lingua italiana. In quell'occasione il ministro pareva aver dato il suo assenso ideologico alla proposta, riconoscendo l'insegnamento della lingua italiana quale uno dei prioritari strumenti per l'integrazione". Un'iniziativa a cui il comune di Telgate, dove la presenza di studenti non italofoni nelle scuole è in media del 30 per cento, lavora già da diversi anni. "Purtroppo - ha affermato il sindaco di Telgate Diego Binelle - il progetto, che prevedeva l'istituzione di via sperimentale di classi di alfabetizzazione e che aveva trovato il consenso del provveditore, della direttrice scolastica, delle famiglie italiane e delle associazioni locali di stranieri, si è arenato per via della forte resistenza ideologica di alcuni insegnanti. Eppure questa è l'unica vera strada per l'integrazione". L'iniziativa sarà sostenuta anche a Roma, dove nei mesi scorsi è stato presentato anche un progetto di legge per l'istituzione di tali classi: "L'occasione per concretizzare c'è, si chiama Decreto della Pubblica istruzione e a breve approderà alla Camera - ha detto il parlamentare Davide Caparini -. Presto, dunque, avremo modo di verificare se c'è la reale volontà di passare dalle parole ai fatti. Per la Kyenge sarebbe un'occasione per dimostrare di saper fare qualcosa di concreto per l'integrazione, materia in cui pare abbia ancora molto da imparare dai nostri sindaci".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari